Skip to content

La meritevolezza dell’interesse nei contratti

L’orientamento prevalente in giurisprudenza considera tale valutazione coincidente con quella di liceità.
Tale requisito potrebbe in astratto determinare una illiceità per una mancata coerenza del singolo contratto a fini sociali, ma si è già detto che tale giudizio non è compatibile con il nuovo assetto dei rapporti contrattuali disciplinato dal codice, dalla Costituzione e dall’ordinamento comunitario.
Se ne ricava che “il controllo consentito in sede giurisprudenziale, alla stregua di tale norma, è meramente negativo; il contratto non deve essere socialmente dannoso, mentre non è dato verificare se esso possa considerarsi meritevole di tutela perché socialmente utile”.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.