Skip to content

La moglie e la concubina nel Kanun

Solo il matrimonio legittimo è considerato degno di protezione giuridica.
L’art. 32 del Kanun, delineando la figura della concubina, stabilisce che la “concubina non gode di alcun diritto nella casa di chi l’ha presa”.
I figli che il convivente ha da lei sono considerati illegittimi e senza diritto ad alcuna parte d’eredità.
Gli eredi sono sempre i figli legittimi, purché maschi, le figlie mai.
Il legame che unisce la famiglia albanese è rappresentato, quindi, non da un legame affettivo, ma da un obbligo giuridicamente vincolante, che impone precisi doveri al marito, alla moglie, ai figli, agli agnati, ai parenti: quest’obbligo è la besa, il giuramento sacrale.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.