Skip to content

La parola nella lingua italiana

I lemmi sono le forme scelte convenzionalmente per la trattazione di una parola nel dizionario, e sono l’infinito per i verbi, il maschile singolare degli aggettivi, ecc. Se i nomi hanno le forme maschile e femminile, il lemma sarà al maschile singolare. L’insieme dei lemmi è detto lemmario.

Nel Dizionario di Macchina dell’Italiano (DMI) la lunghezza media dei lemmi è di 9,36 caratteri. Questo conferma l’impressione che gli stranieri hanno della nostra lingua come “lingua con parole molto lunghe”. In realtà l’italiano condivide ciò con il francese, altra lingua neolatina. Va detto, però, che il francese ha una pronuncia più lontana dalla grafia, e che molte parole non si sentono.

Le vocali a, i, o, e, u costituiscono da sole più del 45% dei caratteri che compongono il lemmario del DMI, però anche nel lemmario francese si arriva a una percentuale del 45%. Nuovamente bisogna però distinguere tra ciò che si osserva e ciò che si sente: in francese buona parte delle lettere e non accentate sono mute. I tre caratteri più frequenti dell’italiano sono i, a ed e.
di Domenico Valenza
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.