Skip to content

La recente disciplina legislativa in materia di lavoro a progetto e lavoro subordinato

La recente disciplina legislativa ha avvicinato il lavoro autonomo coordinato e continuativo a progetto al lavoro subordinato: il compenso per la prestazione a progetto deve essere uguale a quello corrisposto per prestazioni di analoga professionalità sulla base dei contratti collettivi di riferimento. Una speciale indennità è stata prevista per i casi di malattia, ed alle donne assunte con contratto a progetto è stato riconosciuto di non poter lavorare durante la gravidanza ed il puerperio e di aver diritto al congedo di maternità. Sono state, inoltre, modificate le norme che limitavano a 180 giorni la durata del periodo di sospensione del rapporto per gravidanza ed escludevano l'erogazione del corrispettivo in caso di malattia e di infortunio. Resta salva la possibilità del committente, qualora il periodo di sospensione sia superiore a 30 giorni o ad 1/6 della durata contrattuale, di recede ante tempus. 
Una pronuncia di illegittimità costituzionale ha travolto la previsione secondo cui si dovevano conservare i contratti di collaborazione continuativa e coordinata preesistenti alla riforma SOLO PER IL PERIODO DI UN ANNO: essi proseguono fino alla scadenza originaria. 
Introduzione: eccedenze di personale e processi di riaggiustamento industriale 
Nell'ambito della disciplina dei rapporti di lavoro e della tutela dell'occupazione dobbiamo prendere in considerazione due interessi coesistenti e talvolta confliggenti all'interno del mercato e della società: quello all'occupazione ed al mantenimento del posto di lavoro e quello alla continuazione dell'esecuzione dell'attività economica da parte degli imprenditori. L'andamento ciclico dell'economia, la concorrenza con Paesi in cui la manodopera ha un costo nettamente inferiore e la necessità dei processi di ammodernamento della produzione, delle tecnologie e dei sistemi organizzativi, spesso conducono ad un eccedenza del personale all'interno delle imprese e ad una conseguente riduzione dello stesso. Non fa piacere sottolinearlo, ma tale riduzione spesso è necessaria per la stessa sopravvivenza di un'impresa all'interno del mercato, in quanto la stessa potrebbe ritrovarsi a non potere sostenere i costi di una consistente manodopera. Importanti, in tal senso, sono stati gli interventi legislativi volti, in certi casi, ad un supporto economico delle imprese nei processi di riaggiustamento industriale ed altrettante volte ad un sostegno dei lavoratori coinvolti nella riduzione del personale. 
di Alessandra Infante
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.