Skip to content

La sentenza di assoluzione nel processo penale

Con la sentenza di assoluzione il giudice compie un accertamento sull’esistenza o meno del fatto storico addebitato all’imputato.
Il codice impone al giudice di utilizzare una delle formule tipiche che costituiscono il riassunto dei motivi della decisione.
Tali formule sono tassative e derivano dalla necessità di precisare gli effetti del giudicato in altri processi civili, amministrativi e disciplinari.
Nell’enunciare le formule terminative, il codice segue una vera e propria gerarchia, perché inizia con quelle più favorevoli all’imputato e termina con quelle meno favorevoli.
Nelle situazioni in cui sarebbe possibile applicare insieme più formule, il giudice deve pronunciale la formula più ampiamente liberatoria.

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.