Skip to content

Le politiche di sviluppo sostenibile a livello locale


IL PROCESSO AVVIATO DALLE AUTORITà LOCALI EUROPEE PER DEFINIRE E PROMUOVERE LO SVILUPPO SOSTENIBILE A LIVELLO LOCALE.

- Prima conferenza europea sulle città sostenibili → si è tenuta ad Aalborg, in Danimarca, nel 1994 e qui sono state poste le basi per il movimento dell'A21. Durante la conferenza è stata sottoscritta da 80 governi locali la Carta di Aalborg cioè la carta delle città europee per un Modello Urbano Sostenibile. La Carta di Aalborg è suddivisa in tre parti:

- Indicazione alle autorità locali sui modi di avviamento di processi finalizzati alla definizione di piani di SS a livello locale affrontando tutti gli aspetti del territorio, dal clima ai trasporti urbani.
- Lancio della campagna delle Città Europee Sostenibili.
- Presentazione degli impegni delle città firmatarie per promuovere il consenso sull'Agenda 21 locale nelle rispettive comunità.

- Seconda Conferenza Europea sulle Città Sostenibili → si è tenuta a Lisbona nel 1996 e ha dato vita al Piano di Lisbona, che costituisce un aggiornamento della Carta di Aalborg. Nascono strumenti di progettazione e pianificazione di processi locali sostenibili, come gli indicatori, la valutazione di impatto ambientale, le disposizioni EMAS. Il Piano si articola in dodici punti e sottolinea principalmente

- Adozione della Carta della Prima Conferenza come irrinunciabile punto di partenza.
- Importanza dei governi locali nella realizzazione degli impegni dell'A21.
- Necessità del coinvolgimento della dimensione locale per la conduzione degli impegni
dell'A21.
- Si ribadisce la fondamentale integrazione tra protezione ambientale e sviluppo
economico.
- Necessità di programmi di sensibilizzazione.

-  Terza Conferenza sulle Città Sostenibili → si è tenuta ad Hannover nel 2000 e ha dato vita all'Appello di Hannover.

- Quarta Conferenza Ministeriale “Ambiente per l'Europa” → è del 1998 ed è stata sottoscritta ad Aarhus, in Danimarca. Si basa sul principio che lo SS può essere perseguito solo tramite le decisioni governative che tengano conto sia gli aspetti ambientali sia gli interessi dei cittadini.

di Gherardo Fabretti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.