Skip to content

Le rivalità tra concorrenti affermati

In quasi tutti i settori la situazione competitiva ed il livello di redditività dipende dal comportamento che mantengono le imprese che fanno parte del settore. In alcuni settori, la competizione tra le imprese è talmente tanto accesa che loro stesse spingono i prezzi persino al di sotto del limite del costo, esponendo il settore a delle perdite considerevoli; in altri, invece, la competizione è meno accesa ma comunque non prende in considerazione il prezzo ma altri dettagli, quali la pubblicità, la R&S. Quando parliamo di concentrazione di imprese, utilizziamo l'indice di concentrazione industriale per calcolarla e facciamo riferimento alla quota di mercato delle imprese principali nel settore (indice di HHI).

Quando parliamo di diversità tra i concorrenti, si fa riferimento al fatto che le imprese possono evitare la concorrenza elevata nel solo caso in cui non si assomiglino tra di loro, quindi che vi sia diversità tra costi, strategie, impostazioni dal management. Facendo riferimento alla differenziazione del prodotto, se i beni vengono visti da parte del consumatore come “uguali” allora l'unica cosa alla quale fa riferimento l'impresa per differenziarsi è il prezzo. Inoltre, le imprese del settore, possono possedere capacità in eccesso, che il più delle volte è una fase ciclica e comunque può dipendere anche dal fatto che l'impresa abbia fatto troppi investimenti e che la sua domanda sia in declino. Le barriere all'uscita, invece, sono quei costi che la società dovrebbe sostenere, in più, per poter uscire dal mercato. Talvolta, i costi cui facciamo riferimento, sono talmente alti che all'impresa conviene rimanere nel mercato prima di chiudere e sostenerli.


di Adriana Capodicasa
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.