Skip to content

Le scelte morali

La nascita, la morte, la cura degli esseri umani, la crisi dei valori tradizionali, i pregiudizi, la questione delle ricerche etiche e giuridiche posta davanti agli sviluppi della medicina e delle ricerche in campo biologico. Questi i temi che vuole affrontare la Bioetica, una nuova disciplina che è andata consolidandosi partendo dal dibattito su questi nuovi casi, e che coinvolge non solo gli specialisti della ricerca e nel campo dell’etica ma tutti i cittadini dei paesi occidentali. Non c’è da meravigliarsi, questi temi riguardano tutti, ma nessuno può pretendere di avere le credenziali per  occuparsene in modo del tutto esclusivo o con autorità indiscussa. Lo specialista di suo è una persona comune come tutte le altre a cui la bioetica si rivolge.
La discussione dei problemi centrali della bioetica è fatta cercando di assumere la prospettiva di una qualsiasi persona comune che si ritrova di fronte alla scelta tra le nuove alternative poste e proposte dalla nuova scoperta, di fronte alla nascita, alla morte e alla cura sua o dei suoi cari. Volendo, possiamo sintetizzare il tutto dicendo che la bioetica vuole affrontare gli scrupoli morali di cui nessuno è immune. Il libro vuole chiarire quali siano i principi, le regole e i criteri che si debbono far valere nello spazio dell’etica applicata agli eventi umani. Sono essenzialmente scelte, quelle di cui parliamo e di cui, nella sua parte essenziale parla da circa 30 anni la bioetica, che in primo luogo riguardano ciascuno di noi. Si propone dunque ai fini di personale elaborazione e ricerca personale ulteriore un’analisi filosofica contro l’eclettismo e alla commistione di stili a cui il nostro periodo è incline.
di Marianna Tesoriero
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.