Skip to content

Lo sviluppo percettivo

gli organi di senso forniscono informazioni essenziali sulla realtà che ci circonda e permettono di percepire i sapori, odori, suoni oggetti e persone dell’ambiente.
Sensazione --> effetto soggettivo e immediato provocato dagli stimoli sui diversi apparati. È un processo attraverso le informazioni dell’ambiente vengono recepite dai recettori sensoriali e trasmessi al cervello.
Percezione --> processo attivo e dinamico di elaborazione degli stimoli sensoriali che procede attraverso l’analisi e la selezione e l’elaborazione di informazioni.
La percezione è vista secondo teorie diverse. Teoria Empirista: Helmholtz concepisce il neonato come tabula rasa. Dalle ripetute esperienze si sviluppa la percezione vera e propria come processo affinato di organizzare in modo significativo i dati forniti dalla sensazione. Gestalt: la strutturazione percettiva della realtà contiene elementi già organizzati a cui l’essere umano è predisposto e che quindi può cogliere in modo immediato grazie alla sua dotazione innata. Spitz: fino ai tre mesi il neonato risponde a stimoli esterni solo in funzione di una percezione introcettiva di una pulsione insoddisfatta. Tale immagine è oggi superata. Sensibilità gustativa: già dalle prime ore di vita il neonato manifesta espressioni facciali diversi a seconda dei sapori piacevoli o sgradevoli.
Sensibilità olfattiva: ben sviluppata alla nascita, il neonato reagisce agli stimoli in modo differenziale sin dalle prime ore di vita. La percezione uditiva si divide in: Percezione uditiva precoce: i neonati orientano la testa verso suoni ritmici, discriminano i suoni umani dagli altri tipi di suoni. Percezione della preferenza per la voce materna: apprendimento prenatale, la voce materna possiede la particolarità di poter essere trasmessa internamente durante la gravidanza che esternamente, quindi il feto è sensibile alla voce materna. A poche ore dalla nascita il neonato predilige il suono filtrato. Il suono materno è infatti ritmico e quindi attrae di più il bambino.
di Adriana Morganti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.