Skip to content

Max Ernst, frottage e grattage

Max Ernst sempre alla ricerca di nuovi metodi sperimenta il frottage e il grattage. Il frottage significa strofinamento, è un metodo che esclude qualsiasi scelta mentale cosciente simile per certi versi alla scrittura automatica. L’artista sovrappone il foglio a foglie, tessuti e cosi via e poi vi sfrega il colore ottenendo cosi scenografie inedite. Il grattage consiste nel grattare dalla tela il colore ancora fresco, il risultato cambia a seconda della spatola e del supporto. Usa questa tecnica per realizzare paesaggi urbani, cielo. Polimaterismo in pittura: spesso una tecnica sconfina nell’altra, e molti materiali e tecniche diverse vengono usati insieme.

Saldature

Dopo l’esperienza degli assemblage cubisti, Picasso torna alla scultura nel 1928 collaborando con Julio Gonzales. Nascono le sculture ottenute con saldature, l’artista predilige il ferro, metallo tra i più rigidi. La scultura saldata si diffonde nel secondo dopoguerra, in Italia Ettore Colla salda le parti meccaniche di recupero, con cui costruisce forme monumentali astratte. Cesar utilizza la saldatura per saldare pezzi di carrozzeria di automobile prima di essere attratto dalle compressioni.
di Alessia Muliere
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.