Skip to content

Nervo glossofaringeo IX: componente sensitiva viscerale generale e speciale

La sede  sempre il nucleo del tratto solitario e la situazione  sovrapponibile a quella del nervo vago con il primo neurone che si trova nel ganglio inferiore e che fa sinapsi con i neuroni del nucleo del tratto solitario. Alcuni ritengono che la sensibilità viscerale rilevata dal nervo glossofaringeo provenga dai barocettori del seno carotideo e dai chemiocettori del glomo carotideo; altri, invece, considerano anche la parete della faringe, le tonsille, una parte dell'orecchio medio e della tuba uditiva. La carotide si divide in carotide interna e carotide esterna. Sulla parte iniziale della carotide interna  presente una dilatazione chiamata seno carotideo. Nella parete del vaso e in particolare nella tonaca avventizia sono presenti le terminazioni libere dei rami sensitivi viscerali del nervo glossofaringeo che risentono delle variazioni di pressione.

COMPONENTE SENSITIVA SPECIALE
La sensibilità speciale, in particolare quella gustativa, viene raccolta a livello del terzo posteriore della lingua. Anche in questo caso il primo neurone si trova nel ganglio inferiore e il secondo nel nucleo gustativo. Da quest'ultimo originano fibre che raggiungono il talamo e poi la corteccia cerebrale.


di Luca Sciarabba
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.