Skip to content

Organogenesi del sistema nervoso: plasticità sinaptica e neuronale

La prima è stata dimostrata grazie alla scoperta che il cervello si adatta alle esigenze vitali così i neuroni, se stimolati (tramite lo studio per esempio), possono emettere nuovi prolungamenti creando delle nuove sinapsi. Questa plasticità è dimostrata anche nel caso in cui vi sia la morte di un neurone che rappresentava la membrana post-sinaptica di una sinapsi. Infatti può accadere che il terminale assonico pre-sinaptico, non trovandosi più in contatto con il neurone degenerato, si allunghi alla ricerca di un altro contatto sinaptico. Tuttavia, durante questo processo, non è detto che il neurone che si è allungato riesca a costituire un corretto contatto sinaptico: in questo caso la plasticità sinaptica non solo non ripristina la funzione, ma potrebbe anche creare dei problemi.

La plasticità non è solo sinaptica ma è anche neuronale, infatti si è scoperto che i neuroni possono rigenerarsi da un pool di cellule staminali che restano nella regione periventricolare (nella parte anteriore dei ventricoli telencefalici ci sono delle cellule che possono differenziarsi in nuovi neuroni e quindi garantire il funzionamento del sistema nervoso).
La plasticità del SN determina il miglioramento di abilità in organismi sani e il rinnovamento cellulare.
di Luca Sciarabba
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.