Skip to content

Ortognatodonzia e responsabilità professionale

L’obiettivo fondamentale di un trattamento ortognatodontico è presentato oltre che dalla riduzione della malocclusione dentale, dal raggiungimento di un equilibrio dinamico-funzionale in grado di evitare recidive o danni futuri a carico delle ATM.
La raccolta dei dati clinici da parte del terapeuta inizia dall’identificazione delle problematiche dell’assistito e degli obiettivi da raggiungere, prosegue con la scelta del trattamento migliore, la valutazione della risposta individuale alla terapia, lo studio delle graduali modificazioni dell’assetto occlusale, ecc…
L’analisi estetica, associata ad una completa storia clinica e psicologica del paziente, sono fattori che hanno tutti una ben precisa collocazione ai fini di una corretta diagnosi ortognatodontica.
Perché si possa parlare di responsabilità professionale o corre da parte del paziente la prova dell’effettivo instaurarsi di un danno e quindi del nesso di causalità fra la condotta professionale colposa e gli esiti definitivi.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.