Skip to content

PRINCIPIO DI COOPERAZIONE

Le massime di Grise per la conversazione: secondo Grise la conversazione è mossa da un’intenzionalità perlocutiva, il parlante intende dire qualcosa allo scopo di produrre un effetto sull’interlocutore. Esistono 4 tipi fondamentali di massime:
- Di Quantità: impone di dire tutto quanto si deve dire senza reticenza e inutili aggiunte;
- Di Qualità: non mentire o distorcere i resoconti;
- Di Relazione: essere pertinente e di evitare divagazioni;
- Di Modalità: evitare ambiguità, contraddizioni e punti oscuri.
Queste massime possono entrare tra loro in contraddizione e una scelta etica si caratterizza anche per la decisione presa dal parlante nel momento in cui privilegia di sacrificare una delle massime a scapito di un’altra. In una questione una parte di ciò che viene detto rimane implicita e questo implicito produce un effetto nell’interlocutore.
Le massime di Grise si possono interpretare sia come un modello teorico per l’analisi della conversazione che come raccomandazioni morali riguardanti la comunicazione, in questo caso sono concepite come regole per mantenere la cooperazione. Secondo Grise si dice “significato non naturale” la situazione in cui l’interlocutore coglie l’intenzione del parlante in ciò che viene detto.
A cosa servono le massime di Grise se si tratta di strumenti di analisi la loro validità analitica può essere valutata e sottoposta a critica, se invece si tratta di massime per la buona conversazione allora si tratta di aderire alle massime. In questo caso le massime di Grise diventano premesse indiscusse di colui che le accetta.
Il modello teorico di Grise però risente di un limite: riconosce il principio di cooperazione tra i parlanti soltanto a partire da una dimensione interna alla relazione conversazionale. Però capita spesso l’interlocutore nel suo riconoscimento delle intenzioni del parlante si sbaglia, fraintende.
di Carla Callioni
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.