Skip to content

Politica Fiction

La seduzione segna anche la trasformazione del corpo del politico. Il leader moderno deve sedurre e comunicare se stesso agli ascoltatori; deve “sedurre a morte” al rischio di morire egli stesso.
A questa esigenza partecipano interventi sull’immagine e sul fisico dei leader, come il noto lifting di Berlusconi che crea grande notizia.
Nel 1980 il neo presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan chiede di vedere la “war room” resa celebre dal film Il Dottor Stranamore, ma questa non esiste è solo un invenzione di Kubrik per spettacolarizzare la realtà e quindi solo la fiction riesce a rendere la realtà bella e attraente.
Nel 2003 alla seconda invasione degli USA in Iraq, la sala stampa è progettata dall’autore delle scenografie di alcuni programmi televisivi che si ispira alla scenografia del gioco televisivo “Who want to be a millionaire?”; fiction e realtà si sovrappongono e infatti la caratteristica della politica nell’America postmoderna è l’iperrealtà creata dal dominio della rappresentazione e dall’esplosione dei media che ridefinisce le leadership in base a nuove immagini e modelli narrativi improntati all’ipervisivo, ipermediale, ipertemporale.
Anche in Italia avviene questa convergenza e l’allestimento nel 2004 per la convention dei dieci anni di Forza Italia è affidata a Mario Catalano autore di scenografie quali Carramba che sorpresa.
Oggi sempre più spesso la politica si rifà alla fiction infatti uno Sato che funziona bene dal punto di vista audiovisivo è zero.
Nel 2001 Livia Turco commissiona uno spot televisivo con Lino Banfi per far conoscere le nuove leggi in difesa della famiglia, ma il protagonista dello spot non è l’attore, ma il personaggio interpretato nella fiction Un medico in famiglia ossia Nonno Libero. 
Anche i politici divengono testimonial di spot come Andreotti che pubblicizza una marca di gorgonzola e nel 2003 la compagnia telefonica Tre.
I responsabili della comunicazione dei partiti non devono più redarre testi, ma trame fatte con la vita della gente.
di Anna Carla Russo
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.