Skip to content

Potere disciplinare dell’Ordine

I sanitari che si rendano colpevoli di abusi o mancanze nell’esercizio della professione sono sottoposti a procedimento disciplinare da parte del Consiglio dell’Ordine della provincia nel cui albo sono iscritti.

Le sanzioni sono:
a. l’avvertimento, che consiste nel diffidare il colpevole a non ricadere nella mancanza commessa;
b. la censura, che è una dichiarazione di biasimo per la mancanza commessa;
c. la sospensione dall’esercizio della professione, per la durata da 1 a 6 mesi;
d. la radiazione dall’albo, pronunciata contro l’iscritto che con la sua condotta abbia compromesso gravemente la sua reputazione e la dignità della classe sanitaria; comporta la decadenza dalla abilitazione, sicché per essere nuovamente iscritto occorrerà ripetere l’esame di abilitazione.

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.