Skip to content

Processo di cognizione

Il giudice deve prendere conoscenza dei fatti + metterli in relazione con le norme che si possono applicare
Le parti del processo sono attore + convenuto
Domanda riconvenzionale → il convenuto chiede che sia accolta una sua domanda rivolta contro l’attore
Merito della causa → questione aperta con la domanda giudiziale: questione di fatto (esistenza dei fatti posti a fondamento della domanda) + questione di diritto (scelta delle norme applicabili)
Il processo civile tutela gli interessi privati, e di norma si basa sull’iniziativa di parte + il giudice può accettare/rigettare la domanda dell’attore ma non può disporre una terza soluzione (altrimenti si tratterebbe si giudizio ultra petita e una parte potrebbe impugnare la decisione del giudice)

Il processo si chiude con una decisione detta sentenza:
- Di condanna → il giudice ordina al convenuto di tenere una certa condotta
- Di accertamento → il giudice accerta l’esistenza/inesistenza di fatti giuridicamente rilevanti nel rapporto tra l’attore e il convenuto (es. giudice dice che il contratto è nullo), e può combinarsi con la condanna
- Costitutiva → la sentenza produce gli effetti voluti dall’attore (es. il soggetto è obbligato a concludere un contratto ma non vuole e il giudice pronuncia una sentenza che produce gli effetti del contratto non concluso)

di Fabio Merenda
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.