Skip to content

RAPPRESENTAZIONE INTERESSENZE DI TERZI

il consolidamento integrale di partecipazioni non totalitarie determina la necessità di iscrivere gli interessi degli azionisti di minoranza delle società controllate. Le modalità di rappresentazione in bilancio fanno riferimento a tre approcci per il consolidamento:
- teoria dell’entità: il gruppo è composto dalle attività e dalle passività della capogruppo, da tutte le attività e le passività delle controllate e gli interessi di minoranza sono classificati nel p.n. consolidato. Tale bilancio rappresenta i risultati integrali del gruppo considerato come unica impresa, a prescindere dalla divisione fra soci di maggioranza e di minoranza
- teoria della capogruppo: il gruppo è costituito da tutte le attività e passività della capogruppo, e da tutte le attività e passività delle controllate, mentre gli interessi di minoranza sono classificati come passività
- teoria della proprietà: viene anche definita come consolidamento proporzionale o consolidamento proquota: il gruppo consiste nelle attività e passività della capogruppo, e nella quota parte di attività e passività delle controllate, mentre le quote di interessi di terzi non sono rappresentate nel bilancio consolidato.
di Andrea Balla
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.