Skip to content

Rapporto fra Norme Comunitarie e Leggi Ordinamentarie

La Corte costituzionale ha assunto pareri contrastanti: -Nel 1964: riteneva che i trattati  (ricevendo applicazione con legge ordinamento aria)  sono di pari grado con la legge e pertanto possono essere abrogati o modificati da leggi successive.
-Nel 1975: ha ritenuto che la violazione del diritto comunitario ad opera delle leggi ordinamento arie costituisca violazione dell'art. 11 Costituzione.
-Nel 1984: ha ribadito la prevalenza del diritto comunitario, ma anche che questo e il diritto interno si devono coordinare secondo le ripartizioni di competenza volute dal Trattato istitutivo della comunità.
Ed inoltre aggiunge che:
a) le norme comunitarie devono avere piena efficacia obbligatoria e diretta applicazione in tutti gli stati membri;
b) l’ordinamento comunitario consta di un proprio sistema di tutela giuridica, pertanto la normativa CE, è sottratta al controllo di costituzionalità.
di Antonio Amato
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.