Skip to content

Responsabilità professionale del medico e la dottrina della res ipsa loquitur

In taluni casi, nei riguardi della valutazione del nesso di causalità, la giurisprudenza è orientata verso l’ammissibilità del ricorso al cosiddetto principio della res ipsa loquitur: “il fatto parla da sé”.
Ciò avviene allorché sia difficile per il danneggiato fornire una prova in termini scientificamente precisi e certi della causazione materiale e “psichica” del danno subito, purché sia lampante la negligenza del medico.
In tali casi che sufficiente che il danneggiato dimostri che la prestazione sanitaria richiesta era di facile esecuzione e scevra da rischi particolari.
Si deve però evitare che l’applicazione di tale dottrina conferisca automaticamente significato di colpa professionale ad ogni accanimento “imprevisto”.

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.