Skip to content

Sprawson - Thomas Mann e il nuoto

Nei romanzi di T, erede spirituale di Novalis e dei romantici tedeschi, si ritrova la stessa tragica separazione tra mondo reale e mondo ideale, simbolizzato spesso dal nuotatore, ammantato di classicità. - Hans Castorp, nella montagna incantata, ha la visione di un baia mediterranea dove esultavano i figli del sole: paesaggio bucolico;
- In Morte a Venezia, Tadzio incarna il ricordo di Narciso e Fedro, giovane discepolo di Socrate che passeggiava con lui sull'Ilisso. Mann si concentra sulle sensazioni primordiali dell'uomo rispetto al ragazzo;
- Tonio Kroger amava il compagno Hans, buon nuotatore. Hans aveva tutto ciò che lui non aveva;
Per gli intellettuali aridi e inquieti di Mann il nuotatore è la personificazione della salute e della bellezza che essi non avevano mai posseduto. La figura della morte a venezia è un ideale di ragazzo romantico e platonico; mentre il carattere di Hans (indifferenza) contiene gli elementi dell'immagine wagneriana dell'uomo nordico nato per combattere. Hans era la nuova Germania dalla quale Tonio sarebbe stato escluso.

di Dario Gemini
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.