Skip to content

Sterilizzazione volontaria in giurisprudenza

Con questo termine si intende “ogni atto idoneo a sopprimere in modo temporanea o permanente la capacità di generare, lasciando intatta la capacità copulativa”.
Sotto un profilo puramente medico può essere distinta una sterilizzazione diretta e indiretta.
La sterilizzazione diretta è un intervento che mira esclusivamente a impedire il verificarsi dell’evento riproduttivo, indipendentemente da altre motivazioni; essa è lecita allorché sia volontaria e perciò solo quando il consenso espresso dal richiedente sia valido.
La sterilizzazione indiretta presuppone una finalità medico-terapeutica rivolta a preservare o a restituire lo stato di salute dell’uomo o della donna, quando gli organi della riproduzione costituiscano grave minaccia alla salute e talora anche alla stessa vita.
Anche in tal caso il medico è autorizzato ad agire dopo aver ottenuto il consenso valido e perciò anche informato della persona assistita, a meno che non sussista lo stato di necessità; dovrà allora essere provata l’attualità del pericolo di danno grave non altrimenti evitabile.

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.