Skip to content

Tassazione, agevolazioni fiscali, contribuzione di solidarietà, fondo di garanzia

Ai fini promozionali e di sostegno di fondi pensione, il legislatore ha dettato misure di agevolazione fiscale, che attenuano l'onerosità "reale" della suddescritta disciplina del finanziamento.
L'assetto della disciplina fiscale della previdenza complementare contempla la detassazione della contribuzione ai fondi pensione, con rinvio della corrispondente tassazione e della reddito accantonato per finalità previdenziali complementari al momento del suo godimento (cosiddetto principio del rinvio).
Per le imprese coinvolte da detta nuova disciplina sono previste misure compensative, rappresentate da agevolazioni sul piano della disciplina contributiva.
Sull'assetto finanziario della previdenza complementare, peraltro, incide anche la contribuzione di solidarietà.
Invero, il legislatore ha espressamente escluso dalla base imponibile per la contribuzione obbligatoria le somme versate per prestazioni di previdenza complementare, ma, contemporaneamente, ha istituito "un contributo di solidarietà ad esclusivo carico dei datori di lavoro, nella misura del 10%, in favore delle gestioni pensionistiche di legge cui sono iscritti i lavoratori".
Infine, va ricordata la parziale tutela che la legge accorda per il caso in cui, a seguito dell'omesso o parziale versamento dei contributi, ad opera del datore di lavoro, l'iscritto al fondo pensione di previdenza complementare non possa conseguire la prestazione: l'apposito Fondo di garanzia costituito presso l'INPS provvede ad integrare presso la gestione interessata i contributi omessi.
Al finanziamento di detto Fondo si concorre con una quota del contributo di solidarietà.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.