Skip to content

Termini spettroscopici

I fotoelettroni sono descritti mediante i loro numeri quantici, le transizioni sono solitamente etichettate in accordo con lo schema nlj:
•  n è il numero quantico principale e può avere valori 1, 2, 3…
•  l è il momento angolare orbitalico dell'elettrone e può assumere valori 0, 1, 2, 3…
solitamente vengono identificati con una lettera

I picchi nello spettro XPS con l > 0 splittano in due picchi e questo è dovuto all'accoppiamento spin-orbita; infatti tutti gli elettroni hanno un momento orbitalico di spin nucleare s, questo può dare interazioni con il momento angolare orbitalico.

Il valore di s assume valori di ±1/2 e i due momenti angolari vengono addizionati vettorialmente dal valore di J = |l+s| e quindi per un orbitale p si potranno avere p 3/2 e p 1/2  mentre per un orbitale ds si avranno due valori 3/2 e 5/2 e i due picchi avranno proporzione 3:2 in cui il più grande (intenso) sarà d 5/2. Inoltre per valori di n e l la separazione aumenta con l'aumentare del numero atomico dell'atomo.
di Laura Marongiu
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.