Skip to content

Trasporto aereo di persone oneroso, gratuito e amichevole

Il corrispettivo costituisce un elemento naturale del contratto di trasporto, in quanto connaturato alla struttura negoziale dello stesso: si produce senza alcuna previsione delle parti e in virtù della disciplina dettata dal codice civile, salvo che venga disposto diversamente; non è quindi un elemento essenziale ai fini della configurazione del contratto di trasporto.
Il contratto in esame può anche essere gratuito, appartenendo alla categoria dei contratti; costituisce una sottospecie del contratto di trasporto, regolato dalle stesse norme del trasporto oneroso (stesse disposizioni della responsabilità del vettore aereo nel trasporto oneroso di persone). Nel trasporto gratuito, il vettore agisce in virtù di un obbligo, la cui violazione comporta per lo stesso una responsabilità di tipo contrattuale; il trasporto amichevole si configura al di fuori di un rapporto contrattuale e quindi colui che esegue il trasferimento agisce non in virtù di un obbligo giuridicamente vincolante, ma in forza dell’obbligo generico del neminem laedere.
Il fondamentale criterio discriminatorio è rappresentato dall’interesse patrimoniale del vettore: se sussiste, si configura un contratto di trasporto gratuito, altrimenti è amichevole. Per quanto riguarda alla mancata esecuzione del trasporto amichevole, il vettore può incorrere solo in responsabilità extracontrattuale per i danni subiti.
di Elisabetta Pintus
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.