Skip to content

Le determinanti del successo elettorale della Lega Nord nel panorama politico italiano

Il Partito sull'asse Destra-Sinistra

Uno spettatore poco attento dello scenario politico italiano odierno, potrebbe affermare che la competizione elettorale e parlamentare, oggi, si disputi prevalentemente sull'asse destra-sinistra; numerose ricerche hanno però dimostrato come questa distinzione perde, con il passare degli anni, sempre più importanza.

Possiamo collocare il declino della dicotomia destra-sinistra agli inizi degli anni ottanta quando, a causa del crescente benessere economico, del maggior livello d'istruzione della popolazione e del peso sempre maggiore che i media ricoprivano (e ricoprono) nella arena politica, l'attenzione dell'opinione pubblica si è progressivamente spostata da tematiche economico-sociali collettive, quali per esempio la condizione di classe, ad argomenti prettamente individuali come lo stile di vita personale e della propria famiglia.

L'avvento dei cd. “valori post-materialisti” ha provocato una minor identificazione nei partiti tradizionali (non è un caso che i partiti storici come PCI, DC o PSI entreranno in crisi e scompariranno),una auto collocazione politica sempre più flessibile e, di conseguenza, il cambio, da parte dei partiti, della propria strategia competitiva (Fasano, Pasini, 2003).

Tornando ai giorni nostri, nonostante molti di noi siano fermamente convinti sulla collocazione della Lega Nord nella parte destra dello scenario politico italiano, i dirigenti del partito hanno sempre dichiarato, di essere estranei al consolidato e diffuso asse destra-sinistra. Tale estraneità è inoltre confermata da affermati politologi e sociologi che, alla luce di sondaggi è ricerche, hanno dimostrato come non sia possibile collocare univocamente il Partito.

Si badi bene che non si sta affermando che le singole proposte politiche del “Carroccio” non siano “di destra”, ma si sta analizzando il partito nella sua totalità e si sta facendo riferimento ad una sorta di collocazione “percepita” dalla gente.

Una ricerca di Renato Mannheimer e Paolo Natale, pubblicata nel libro “Senza più Sinistra” del 2008, ha rivelato che la maggior parte degli lettori leghisti si definisce “di centro” e dichiara di non appartenere a nessuna delle collocazioni tradizionali.

“L'interpretazione che la Lega sia una forza di destra, secondo me e secondo moltissimi altri studiosi, non è valida. Il conflitto è tra centro-periferia; la Lega si alleerà con chicchessia favorisca la periferia al centro.” (Giovanni Sartori, 2008)

“Maroni ha detto chiaramente che la Lega non è né di sinistra né di destra, ma ragiona e opera sul piano del territorio. (...) Il Carroccio è quindi fuori dal vecchio schema sinistra - destra, è interclassista proprio come lo è un territorio” (Alessandro Amadori – Amministratore delegato di Coesis Research)

“Non importa che età avete, che lavoro fate, di che tendenza politica siete: quello che è importante è che siete, che siamo, tutti lombardi.” (Primo numero di “Lombardia Autonomista” del 1982).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le determinanti del successo elettorale della Lega Nord nel panorama politico italiano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Tenconi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Management Pubblico
  Relatore: Nicola Pasini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

razzismo
immigrati
berlusconi
lega
lombardia
indipendenza
secessione
miglio
lega nord
padania
padano
xenofobia
carroccio
maroni
salvini
calderoli
umberto bossi
pdl
popolo della libertà
lazzate
leghista
lombardo
cesarino monti
luciano alfarano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi