Skip to content

La Quinta Repubblica francese tra tradizione e innovazione

La forma di governo semi-presidenziale

Il modello della forma di governo semi-presidenziale è indissolubilmente legato al suo "prototipo", e cioè alla Quinta Repubblica francese. Come è noto, il concetto di governo semi-presidenziale è stato teorizzato da Maurice Duverger sulla base dell'esperienza istituzionale d'oltralpe, successiva al 1962. La definizione, insieme agli arricchimenti apportati dalla dottrina, designa il modello rappresentativo del fenomeno. Con l'espressione "governo semipresidenziale", si intende far riferimento a quella forma di governo, caratterizzata sul piano strutturale da alcuni requisiti giuridico-formali: 1) un Presidente della Repubblica eletto a suffragio universale e dotato di ampi poteri propri; 2) un Primo ministro e un governo responsabili davanti al Parlamento. E' agevole com.prendere come si mescolano elementi tipici delle forme di governo presidenziali e parlamentari: l'elezione diretta del Capo dello Stato da un lato e il rapporto fiduciario tra Governo e Parlamento e lo scioglimento delle Camere dall'altro. Nella forma di governo semi-presidenziale i due fattori non si limitano a coesistere, ma interagiscono e si combinano, a seconda delle condizioni, dando sostanza una forma di governo che non può essere ricondotta a qualche sche.ma tradizionale presidenziale o parlamentare di alcun tipo. Duverger mette in evidenza come nel modello semi-presidenziale l'unicità della volontà popolare si esprime in due passaggi elettorali: quello legislativo e quello presidenziale. Questo carattere dualistico, rispetto al "monismo" presidenziale, spiega il ricorso da parte di Duverger del termine semipresidenzialismo e non semiparlamentarismo.
La somiglianza con la forma di governo presidenziale tipo americana, non deve distogliere l'attenzione dalle differenze notevoli del modello francese. Per Giovanni Sartori è importante comprendere come nei sistemi presidenziali il Presidente è protetto dalle interferenze parlamentari, in applicazione di un principio della divisione dei poteri. Nel sistema semi-presidenziale, si governa sulla base di un potere condiviso: il Presidente deve condividere il potere con un Primo ministro e questi a sua volta, deve poter contare sul sostegno di una maggioranza parlamentare stabile. Sartori come Duverger spiega il suo punto di vista con il ricorso al concetto di "dualità". Egli considera il governo semi-presidenziale come una struttura a "due teste", bicefala, dove si assiste ad una sorta di diarchia fra Presidente e Primo ministro. Infatti, la struttura dualistica del potere esecutivo, è la logica conseguenza della stessa previsione, accanto a un Presidente eletto dal popolo e con poteri rilevanti, di un governo e un primo ministro responsabili verso il parlamento. Dopo aver rilevato ed evidenziato il carattere "duale", occorre verificare se il dualismo in questione tra i vertici del potere politico sia basato su un rapporto paritario oppure gerarchico. Qual è la dinamica effettiva al vertice della struttura di governo semi-presidenziale? Occorre fare alcune considerazioni politiche e giuridiche, partendo dall'analisi dell'esperienza francese che rappresenta un prototipo. Lo spostamento del centro dell'esercizio del potere politico, ora verso il Presidente ora verso il Primo ministro, hanno spinto diversi autori che hanno osservato le vicende della V Repubblica, a definire in modo variabile questa particolare forma di governo, a partire dagli elementi che emergono dal semplice schema giuridico. Prima di tutto, oltre al già accennato carattere "duale", la struttura semi-presidenziale non presenta ulteriori criteri giuridico formali di identificazione. Uno di essi, l'elezione diretta a suffragio universale del Presidente della Repubblica – sembrerebbe non essere condizione essenziale. Lo stesso Duverger, dopo averla indicata quale carattere primario, nel medesimo studio ammette che essa non appare determinante perché la struttura dei partiti prevarrebbe sul meccanismo adattato per la scelta del Capo dello Stato nel definire il ruolo che a questi spetta concretamente. Molti studiosi hanno posto l'attenzione sul profilo composito della Carta costituzionale: Avril ha usato la definizione di "regime misto" per porre in risalto "la natura ibrida di un regime che mescola aspetti parlamentari e aspetti presidenziali". Sulla stessa lunghezza d'onda Hariou definiva la quinta Repubblica mezza parlamentare e mezza presidenziale. Moulin, pur ammettendo la collocazione in una categoria intermedia i sistemi che affiancano un Capo dello Stato di tipo presidenziale alla responsabilità ministeriale ed al potere di scioglimento dell'Assemblea, ritiene che tali sistemi non siano riconducibili né allo schema parlamentare, né a quello presidenziale. Nella teoria, la separazione rigida dei poteri tipi del regime presidenziale e la separazione del modello parlamentare, non sono sovrapponibili a causa della particolare relazione fra esecutivo e legislativo che qui si realizza.Stante questa inconciliabilità, le forme di governo come quella della Francia non sono da considerarsi come parlamentari e presidenziali, ma andrebbero inserite in una categoria a parte.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Quinta Repubblica francese tra tradizione e innovazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Bovino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Cristina Gazzetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

francia
de gaulle
parigi
quinta repubblica
semipresidenzialismo
presidente della repubblica
parlamento
regioni
comuni
revisione costituzionale
forma di governo
primo ministro
dipartimenti
sistema giudiziario
potere laegislativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi