Skip to content

Applicazione della metodologia Life Cycle Assessment alla produzione della birra

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
INDICE INTRODUZIONE ……………………………………………………………… 1 CAPITOLO 1 La metodologia LCA ………………………………………………………….. 3 1.1 LCA: Life Cycle Assessment ………………………………………………....3 1.1.1 Le origini e lo sviluppo della LCA …………………………………………....4 1.2 La LCA nel contesto delle norme e dei regolamenti internazionali ……5 1.2.1 Le norme ISO di riferimento …………………………………………………. 6 1.3 Le applicazioni della LCA nello scenario attuale ………………………....6 1.3.1 Le politiche integrate di prodotto (IPP) ……………………………………….. 6 1.3.2 Impronta ambientale di prodotto (PEF) ……………………………………...... 7 1.3.3 Etichettature ambientali di prodotto …………………………………………... 8 1.3.4 Acquisti verdi (green public procurement) …………………………………... 13 1.3.5 Ecodesign …………………………………………………………………...14 1.4 La struttura di una LCA ………………………………………………………16 1.4.1 Definizione secondo SETAC e ISO …………………………………………. 16 1.4.2 Prima fase: definizione di scopi ed obiettivi …………………………………. 17 1.4.2.1 Obiettivi dello studio ……………………………………………………………… 18 1.4.2.2 Definizione del sistema ……………………………………………………………. 18 1.4.2.3 Definizione dell’unità funzionale …………………………………………………… 19 1.4.2.4 Confini del sistema ………………………………………………………………...20 1.4.2.5 Requisiti di qualità ed affidabilità dei dati ……………………………………………. 20 1.4.3 Seconda fase: analisi d’inventario…………………………………………… 21 1.4.3.1 Diagramma di flusso e modello ……………………………………………………...21 1.4.3.2 Raccolta dei dati …………………………………………………………………...21 1.4.3.3 Procedure di allocazione …………………………………………………………... 22 1.4.4 Terza fase: analisi degli impatti ……………………………………………...23 1.4.4.1 I principali effetti ambientali presi in considerazione …………………………………...24 1.4.4.2 Struttura di una LCIA e strumenti operativi …………………………………………... 29 1.4.5 Quarta fase: interpretazione e miglioramento ………………………………...34 1.4.6 Il riesame critico …………………………………………………………… 34 1.4.7 La comunicazione dei risultati di uno studio LCA …………………………….34 1.5 Il software d’utilizzo: SimaPro ……………………………………………...35 1.5.1 Caratteristiche del software …………………………………………………. 35 1.5.2 Le banche dati ……………………………………………………………… 36 CAPITOLO 2 La performance ambientale del mercato della birra …………... 38 2.1 Birra e prospettive di mercato ……………………………………………….38 2.2 Produzione della birra ………………………………………………………... 40 2.2.1 Ingredienti …………………………………………………………………. 40 2.2.2 Processo produttivo ………………………………………………………… 41 2.3 Performance ambientale del processo………………………………………43 2.3.1 Consumo di acqua ………………………………………………………….. 44 2.3.1.1 Acqua reflua…………………………………………………………………….... 45 2.3.1.2 Trattamento delle acque reflue del birrificio…………………………………………... 46 2.3.2 Rifiuti solidi e sottoprodotti…………………………………………………. 48 2.3.3 Materiali di packaging………………………………………………………. 50 2.3.4 Efficienza energetica ed emissioni del birrificio ………………………………50 2.3.4.1 Uso energetico e sistema di utilities ………………………………………………..... 51 2.3.4.2 Miglioramento dell’efficienza energetica dei birrifici…………………………………... 53 2.3.4.3 Conservazione dell’energia ………………………………………………………… 54 2.3.5 Emissioni del birrificio ……………………………………………………... 55 2.3.6 Impatto ambientale del processo di produzione della birra …………………….56 2.3.6.1 Tipi di impatto ambientale ………………………………………………………..... 56 2.3.6.2 Impatto geografico ………………………………………………………………... 57 2.3.7 Best Available Techniques (BAT) per l’industria food, drink e latte …………...58 2.3.7.1 Uso di acqua ……………………………………………………………………... 58 2.3.7.2 Materie prime …………………………………………………………………......59 2.3.7.3 Energia ………………………………………………………………………….. 60 2.3.7.4 Riduzione di emissioni …………………………………………………………...... 62 2.3.7.5 Riciclo/riuso globale ……………………………………………………………..... 62 2.3.7.6 Packaging ……………………………………………………………………....... 63 2.3.7.7 Collaborazione con le attività a monte e a valle ……………………………………...... 63 2.3.7.8 Salute e sicurezza ………………………………………………………………..... 64 2.4 Performance ambientale della birra in Europa …………………………... 65 2.4.1 Acqua ……………………………………………………………………… 66 2.4.2 Energia e GHGs ……………………………………………………………. 68 2.4.3 Prodotti secondari …………………………………………………………...70 2.4.4 Acqua e acque reflue ………………………………………………………...71 2.4.5 Packaging …………………………………………………………………...72 CAPITOLO 3 LCA della produzione della birra ……………………………………… 75 3.1 Ricerca sulla carbon footprint della birra ………………………………….75 3.1.1 Introduzione ………………………………………………………………... 75 3.1.2 Creazione del modello della carbon footprint della birra ………………………76 3.1.2.1 Formato delle bevande …………………………………………………………….. 77 3.1.2.2 Metodologia d’analisi e scenari modellati ……………………………………………. 77 3.1.2.3 Fonti dei dati ed ipotesi ……………………………………………………………. 78 3.1.3 Risultati ……………………………………………………………………. 79 3.1.3.1 Scenario di base …………………………………………………………………...79 3.1.3.2 Aspetti specifici della catena di valore ………………………………………………..79 3.1.4 Conclusioni …………………………………………………………………81 3.2 LCA di una “basic lager beer” ………………………………………………82 3.2.1 Introduzione ………………………………………………………………...82 3.2.2 Definizione dell’obiettivo e del campo di applicazione ………………………. 83 3.2.3 Sistema e unità funzionale …………………………………………………...83 3.2.4 Risultati ……………………………………………………………………. 83 3.2.4.1 Consumo di risorse e generazione di rifiuti …………………………………………... 83 3.2.4.2 Risultati della valutazione degli impatti ……………………………………………… 85 3.2.5 Conclusioni e raccomandazioni ……………………………………………... 88 3.3 Confronto della LCA di una birra a base di malto e di una birra 100% orzo ………………………………………………………………………. 89 3.3.1 Introduzione ………………………………………………………………...89 3.3.2 Definizione dell’obiettivo …………………………………………………... 90 3.3.3 Definizione del campo di applicazione ………………………………………. 90 3.3.4 Unità funzionale ……………………………………………………………. 91 3.3.5 Categorie d’impatto ambientale ……………………………………………... 92 3.3.6 Analisi d’inventario ………………………………………………………… 92 3.3.6.1 Produzione di malto ………………………………………………………………. 93 3.3.6.2 Fresatura ………………………………………………………………………… 96 3.3.6.3 Macerazione ……………………………………………………………………... 96 3.3.6.4 Filtrazione del macero ……………………………………………………………...97 3.3.6.5 Bollitura ………………………………………………………………………… 98 3.3.6.6 Trasporto ………………………………………………………………………... 99 3.3.7 Risultati ……………………………………………………………………. 99 3.3.8 Analisi di sensitività ………………………………………………………. 102 3.3.9 Conclusioni ………………………………………………………………..105 3.3.10 Prospettive ………………………………………………………………... 106 3.3.10.1 Al di là della specificità del sito …………………………………………………... 106 3.3.10.2 Potenziali risparmi globali di GHG ………………………………………………... 107 3.3.10.3 Cambiamento indiretto nell’uso della terra …………………………………………. 107 3.4 Conclusioni generali …………………………………………………………108 CAPITOLO 4 Imballaggio e packaging della birra …………………………………. 110 4.1 Imballaggio e packaging ……………………………………………………. 110 4.1.1 Materiali di packaging ……………………………………………………...111 4.1.1.1 Alluminio …………………………………………………………………......... 112 4.1.1.2 Acciaio ………………………………………………………………………… 114 4.1.1.3 Vetro …………………………………………………………………………... 116 4.1.1.4 Carta e cartone …………………………………………………………………...118 4.1.1.5 Termoplastici non rinnovabili ……………………………………………………... 121 4.2 Inventario del ciclo di vita di tre singoli contenitori monodose di bibita ……………………………………………………………………………. 123 4.2.1 Introduzione ……………………………………………………………….123 4.2.2 Sistemi studiati …………………………………………………………….124 4.2.3 Confini del sistema ………………………………………………………... 124 4.2.4 Risultati del LCI …………………………………………………………... 125 4.2.4.1 Energia ………………………………………………………………………… 126 4.2.4.2 Rifiuti solidi ………………………………………………………………..........128 4.2.4.3 Emissioni ambientali ……………………………………………………………...132 4.2.5 Conclusioni …………………………………………………………….. 133 4.3 LCA di diverse percentuali di riutilizzo delle bottiglie di vetro della birra ……………………………………………………………………………...134 4.3.1 Introduzione ……………………………………………………………….134 4.3.2 Obiettivo dello studio ……………………………………………………... 135 4.3.3 Funzione ed unità funzionale ……………………………………………….135 4.3.4 Confini del sistema ………………………………………………………... 135 4.3.5 Tempo considerato ………………………………………………………... 136 4.3.6 Ipotesi di calcolo ………………………………………………………….. 136 4.3.7 Procedure di calcolo ………………………………………………………. 138 4.3.8 Valutazione dell’impatto legato al ciclo di vita (LCIA)……………………… 140 4.3.9 Risultati e discussione ……………………………………………………...141 4.3.9.1 Analisi di ogni impatto vs la percentuale di riuso……………………………………...141 4.3.9.2 Confronto tra bottiglie restituibili e non …………………………………………….. 144 4.3.10 Conclusioni e raccomandazioni ……………………………………………. 145 4.4 I benefici della supply chain nell’usare fusti in PET non restituibili ...147 4.4.1 Introduzione ……………………………………………………………….147 4.4.2 La sfida che affrontano i birrifici…………………………………………… 147 4.4.3 Esportazione ……………………………………………………………… 151 4.4.4 Dal birrificio al commercio all’ingrosso di bevande ………………………… 152 4.4.5 Raggiungimento dei clienti finali …………………………………………... 152 4.4.6 Non più trasporto per la restituzione ………………………………………...153 4.4.7 Ambiente …………………………………………………………………. 154 4.4.8 Conclusioni ………………………………………………………………..154 4.5 La risposta dei consumatori al packaging in PET nel mercato delle bevande ………………………………………………………………………… 155 4.5.1 Introduzione ……………………………………………………………….155 4.5.2 Qualità chiave del PET ……………………………………………………. 155 4.5.3 Percezione dei consumatori ………………………………………………... 157 4.5.4 Cosa importa di più ai consumatori? ……………………………………….. 158 4.5.5 Birra in PET: una previsione per la crescita globale ………………………… 159 4.6 Conclusioni generali …………………………………………………………. 161 CAPITOLO 5 Confronto tra performance ambientali di gruppi industriali produttori di birra …………………………………………………………....163 5.1 Gruppo Carlsberg …………………………………………………………….. 163 5.1.1 Sostenibilità in Carlsberg ………………………………………………….. 166 5.1.1.1 Energia ed emissioni ……………………………………………………………...166 5.1.1.2 Acqua ………………………………………………………………….............. 168 5.1.1.3 Packaging sostenibile ………………………………………………………..........168 5.1.2 Carlsberg Italia …………………………………………………………….169 5.1.2.1 Innovazione nel mercato della birra: la tecnologia DraughtMaster ……………………... 170 5.1.2.2 Life Cycle Assessment e Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) …………….........171 5.1.2.3 Performance ambientale …………………………………………………………...172 5.2 Gruppo Heineken …………………………………………………………….. 175 5.2.1 Sostenibilità in Heineken …………………………………………………...177 5.2.1.1 Protezione delle risorse idriche ………………………………………………......... 178 5.2.1.2 Riduzione delle emissioni di CO ₂ …………………………………………………...179 5.2.1.3 Riduzione del consumo di energia ……………………………………………......... 180 5.2.1.4 Packaging …………………………………………………………………......... 181 5.2.1.5 Riciclaggio dei rifiuti …………………………………………………………….. 182 5.2.2 Heineken Italia ……………………………………………………………. 182 5.3 Gruppo SABMiller ………………………………………………………....... 185 5.3.1 Sostenibilità in SABMiller ………………………………………………… 187 5.3.1.1 Accelerale la crescita e lo sviluppo sociale nell’ambito della catena di valore ………........ 187 5.3.1.2 Rendere la birra la scelta naturale per consumatori moderati e responsabili ………………188 5.3.1.3 Mettere in sicurezza le risorse d’acqua condivise, per il gruppo e per le comunità locali……188 5.3.1.4 Creare valore riducendo i rifiuti e le emissioni di CO ₂ ………………………………... 189 5.3.1.5 Supportare un uso responsabile e sostenibile della terra …………………………......... 191 5.3.2 SABMiller in Italia: birrifici Peroni ………………………………………... 192 5.4 Confronto tra le performance ambientali dei gruppi e valutazione degli impatti ……………………………………………………………………195 5.5 Confronto tra le performance ambientali in Italia …………………....... 203 5.6 Considerazioni finali ……………………………………………………........ 207 CONCLUSIONI ……………………………………………………………… 208 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI …………………………………...212
Indice della tesi: Applicazione della metodologia Life Cycle Assessment alla produzione della birra, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Applicazione della metodologia Life Cycle Assessment alla produzione della birra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Semeraro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Mercati e strategie d'impresa
  Relatore: Marco Frey
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 222

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi