Skip to content

La rappresentazione degli interessi in Italia: il caso del nucleare

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Indice Introduzione Primo capitolo Le lobbies e la rappresentazione di interessi particolari 1.1 Lobbies e gruppi di pressione: dagli interessi particolari a quelli gene- rali, pubblici o nazionali 1.2 La specificità del caso italiano: aspetti istituzionali, sistema politico e di governo e peculiarità culturali Secondo Capitolo Le lobbies pro e contro il nucleare nel mondo 2.1 Considerazioni introduttive 2.2 Associazioni internazionali 2.2.1 World Nuclear Association 2.2.2 World Association of Nuclear Operators 2.2.3 FORATOM (European Atomic Forum) 2.2.4 European Nuclear Society 2.3 La Chiesa Cattolica e il nucleare 2.4 I movimenti antinucleari 2.5 Il lobbismo nucleare in Italia 2.5.1 I primordi dell’industria nucleare in Italia 2.5.2 L’Associazione Italiana Nucleaer (AIN) 2.6 Il lobbismo nucleare negli Stati Uniti 2.7 Il lobbismo nucleare nel Regno Unito 2.8 Il lobbismo nucleare in Francia 2.9 Il lobbismo nucleare in Germania 2.10 Il lobbismo nucleare in Spagna 2.11 Il lobbismo nucleare in Giappone 2.12 Ambientalisti pro e contro l’energia nucleare 2.13 I principali ambientalisti “pronucleari” – Lovelock, Moore e Monbiot Terzo Capitolo Il dibattito pro e contro l’elettronucleare in Italia e i gruppi di pres- sione dei due campi contrapposti 3.1 L’inizio del nucleare in Italia e la frammentazione del lobbismo fra pubblico e privato e fra soluzioni nazionali ed internazionali 3.2 Nascita ed evoluzione delle lobbies nucleari in Italia Pag. 7 » 11 » 11 » 21 » 27 » 27 » 30 » 30 » 32 » 33 » 33 » 34 » 41 » 44 » 44 » 48 » 49 » 54 » 57 » 62 » 66 » 68 » 69 » 72 » 75 » 75 » 81 4 3.2.1 La lobby industriale: il FIEN 3.2.2 La lobby professionale: ANDIN e SNI 3.2.3 La crisi delle lobbies nucleari 3.2.4 La ripresa dell’interesse industriale 3.3. Lo sviluppo dell’azione lobbistica negli anni Cinquanta e Sessanta 3.4. I limiti dell’azione lobbistica 3.5 Dai Piani Energetici Nazionali degli anni Settanta al Referendum del 2011 3.6 Il disastro di Chernobyl e il referendum del 1987 con la sospensione del nucleare in Italia 3.7 Il revival del nucleare all’inizio del XXI secolo – Il Forum Nucleare Italiano di Chicco Testa e le strategie del lobbismo pro-nucleare 3.8 Il lobbismo antinucleare al contrattacco; il blocco del revival del nu- cleare con il Referendum del 2011 dopo Fukushima e le lobbies a fa- vore delle rinnovabili Quarto Capitolo Il problema del nucleare residuo: processi decisionali, soggetti coin- volti e azioni di lobby 4.1 Interessi industriali, di sicurezza e locali connessi con lo smantella- mento degli impianti nucleari dismessi (decommissioning) 4.2 I soggetti coinvolti nel nucleare pregresso 4.2.1 Attività di lobby e formazione del consenso 4.3 La sistemazione dei rifiuti radioattivi 4.3.1 Processo decisionale, soggetti coinvolti e azioni di lobby 4.3.2 La logica dell’emergenza 4.4 La sistemazione del combustibile esaurito 4.4.1 I trasporti delle scorie radioattive. Soggetti coinvolti e azio- ni di lobbying 4.5 Lo smantellamento degli impianti nucleari dismessi 4.5.1 Iter autorizzativo, soggetti coinvolti e azioni di lobby 4.5.2 La logica dell’emergenza e le azioni conseguenti 4.6 La realizzazione del Deposito Nazionale per i materiali radioattivi 4.6.1 Dalla logica partecipativa a quella dell’emergenza 4.6.2 I criteri di localizzazione e l’allarme sociale 4.6.3 Il “caso Scanzano” 4.7 Case History 4.7.1 Il nucleare residuo e il Project Management 4.7.2 L’approccio di tipo adattativo 4.7.3 L’approccio adattativo alla campagna di trasporto del 2003 4.7.4 Azioni e retroazioni Conclusioni Pag. 82 » 86 » 89 » 93 » 98 » 102 » 108 » 114 » 120 » 126 » 130 » 130 » 133 » 135 » 138 » 138 » 140 » 144 » 144 » 146 » 146 » 148 » 153 » 156 » 157 » 159 » 163 » 163 » 167 » 171 » 174 » 182 5 Appendice Protagonisti ed interpreti del nucleare in Italia: contributi ed interviste (in ordine alfabetico) Giancarlo Aragona – Presidente SOGIN Angelo Bonelli – Presidente VERDI Gianluca Comin– Direttore Relazioni Esterne ENEL Roberto Della Seta - LEGAMBIENTE Tullio Fanelli – Sottosegretario di Stato – Ministero dell’Ambiente Carlo Jean – ex-Commissario Delegato per la messa in sicurezza del nu- cleare Stefano Lucchini – Direttore Relazioni Internazionali e Comunicazione - ENI Giuseppe Onufrio– Direttivo Esecutivo - GREENPEACE Sara Romano – Direttore Generale energia nucleare, energie rinnovabili ed efficienza energetica – Ministero dello Sviluppo Economico Stefano Saglia – ex-Sottosegretario di Stato – Ministero dello Sviluppo Economico Chicco Testa – ex-Presidente del Forum Nucleare Italiano Bibliografia Sitografia Pag. 188 » 189 » 192 » 195 » 199 » 203 » 207 » 211 » 216 » 221 » 223 » 227 » 232 » 237
Indice della tesi: La rappresentazione degli interessi in Italia: il caso del nucleare, Pagina 1

Indice dalla tesi:

La rappresentazione degli interessi in Italia: il caso del nucleare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Nucci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Pierluigi  Petrillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 245

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi