Skip to content

Analisi strutturale di un ponte in ferro esistente: collaudo, modellazione BIM ed analisi agli elementi finiti

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INDICE INTRODUZIONE……..…………………...…………………………………………...…1 CAPITOLO 1 1 IL PONTE AZZURRO DI AMANTEA ........................................................................ 3 1.1 Ponti con struttura metallica agli inizi del ‘900 ........................................................ 3 1.1.1 Valenza culturale dei ponti ......................................................................... 3 1.1.2 Invecchiamento e vita utile ......................................................................... 5 1.1.3 Verifiche strutturali di ponti esistenti .......................................................... 7 1.1.4 Analisi di stato dei ponti esistenti a struttura metallica con profili chiodati 8 1.1.4.1 Unioni chiodate nelle strutture metalliche ........................................ 11 1.1.4.1.1 Storia della chiodatura ............................................................... 11 1.1.4.1.2 Tecnologia della chiodatura ....................................................... 12 1.1.4.1.3 Modalità di posa in opera .......................................................... 15 1.1.4.1.4 Comportamento meccanico delle connessioni ........................... 20 1.1.4.2 Indagini sperimentali degli ultimi anni ............................................. 23 1.1.4.3 Proprietà chimiche dei materiali ....................................................... 27 1.1.4.4 Problema della corrosione ................................................................. 32 1.2 Descrizione del ponte di Amantea .......................................................................... 37 1.3 Caratteristiche del sito ............................................................................................. 38 1.3.1 Visualizzazione satellitare ......................................................................... 38 1.3.2 Documentazione fotografica ..................................................................... 41 CAPITOLO 2 2 MONITORAGGIO STATICO, DINAMICO E RILIEVO TOPOGRAFICO DELLA STRUTTURA ................................................................................................................... 44 2.1 Introduzione ............................................................................................................ 44 2.2 Attivita’ svolte ......................................................................................................... 46 2.3 Rilievi con interferometria radar terrestre ............................................................... 46 2.3.1 Principi di base della tecnica interferometrica .......................................... 46 II 2.3.2 Il sistema di monitoraggio interferometrico .............................................. 48 2.3.2.1 Velocimetro triassiale a contatto modello Syscom MS2003+ .......... 50 2.3.2.2 Stazione meteo Davis Vantage Pro II ............................................... 52 2.3.3 Rilievi per il collaudo statico .................................................................... 53 2.3.4 Rilievi per il collaudo dinamico ................................................................ 58 2.4 Rilievi topografici ................................................................................................... 65 2.4.1 La piattaforma di rilievo topografico ........................................................ 65 2.4.2 Rilievo topografico della struttura ............................................................ 69 2.4.3 Rilievi per il Collaudo termico .................................................................. 69 2.4.3.1 Effetti delle variazioni termiche nelle strutture ................................. 70 2.4.3.2 Operazioni di rilievo per il collaudo termico .................................... 73 2.4.4 Rilievo Laser Scanner ............................................................................... 74 2.4.4.1 Laser Scanner“RIEGL VZ 1000” ..................................................... 74 2.4.4.2 Planimetria con individuazione delle scansioni ................................ 76 2.4.4.3 Elaborazione dei dati ......................................................................... 76 2.4.4.4 Roto-traslazione delle scansioni ........................................................ 76 2.4.4.5 Eliminazione degli “outliers” ............................................................ 77 2.4.4.6 Selezione parziale della nuvola di punti ............................................ 78 2.4.4.7 Decimazione dei dati – Passo 3 mm ................................................. 79 2.4.4.8 Esportazione per modellazione 3D ................................................... 79 CAPITOLO 3 3 RISULTATI DEI RILIEVI E MODELLAZIONE BIM .............................................. 80 3.1 Risultati del rilievo topografico della struttura ....................................................... 80 3.2 Risultati del rilievo Laser Scanner .......................................................................... 81 3.3 Risultati del collaudo statico ................................................................................... 82 3.3.1 Prova CSA_1 ............................................................................................ 82 3.3.2 Prova CSA_2 ............................................................................................ 84 3.4 Risultati del collaudo dinamico ............................................................................... 85 3.4.1 Richiami di dinamica delle strutture - Oscillatore semplice ..................... 86 III 3.4.2 Prova CDA_1 ............................................................................................ 90 3.4.2.1.1 Analisi nel dominio della frequenza (prova CDA_1) ................ 90 3.4.3 Prova CDA_2 ............................................................................................ 91 3.4.3.1 Analisi nel dominio della frequenza (prova CDA_2) ....................... 91 3.4.3.2 Analisi nel dominio del tempo (prova CDA_2) ................................ 93 3.4.4 Prova CDA_3 ............................................................................................ 94 3.4.4.1 Analisi nel dominio della frequenza (prova CDA_3) ....................... 94 3.4.4.2 Analisi nel dominio del tempo (prova CDA_3) ................................ 95 3.4.5 Prova CDA_4 ............................................................................................ 96 3.4.5.1 Analisi nel dominio della frequenza (prova CDA_4) ....................... 96 3.4.6 Prova CDA_5 ............................................................................................ 97 3.4.6.1 Analisi nel dominio della frequenza (prova CDA_5) ....................... 97 3.5 Risultati del collaudo termico ................................................................................. 98 3.5.1 Osservazioni ............................................................................................ 100 3.6 Conclusioni – Rilievo, collaudo statico e dinamico .............................................. 101 3.7 Modellazione BIM ................................................................................................ 106 3.7.1 Piante e sezioni con software CAD ......................................................... 107 3.7.2 Modellazione 3D con software BIM ....................................................... 108 3.7.3 Creazione del modello 3d a partire da viste CAD 2d .............................. 108 3.7.3.1 Modulo centrale del ponte ............................................................... 109 3.7.3.2 Parti laterali del ponte ..................................................................... 110 3.7.3.3 Spalle ............................................................................................... 110 3.7.4 Confronto con dati laser scanner ............................................................. 111 3.7.5 Creazione di elaborati architettonici e strutturali .................................... 111 3.7.6 Animazioni .............................................................................................. 112 3.7.6.1 Fascio d’onda dell’interferometro ................................................... 112 3.7.6.2 Sovrapposizione tra dati laser scanner e modello 3d ...................... 114 3.7.7 Confronto tra i profili della strada (Stazione totale, Laser scanner e modello BIM) 116 3.8 Conclusioni – Modellazione BIM ......................................................................... 118 IV CAPITOLO 4 4 ANALISI STRUTTURALE e MODELLAZIONE FEM .......................................... 120 4.1 Richiami di base: Modellazione agli elementi finiti ............................................. 121 4.1.1 Ipotesi di calcolo e caratteristiche del materiale ..................................... 121 4.1.2 Schematizzazione del modello ................................................................ 122 4.1.3 Tipi di elemento finito ............................................................................. 123 4.1.3.1 L’elemento Frame ........................................................................... 124 4.1.3.2 Gli elementi piani ............................................................................ 127 4.1.3.2.1 Elemento Membrane (Plane stress - Membrana) ..................... 128 4.1.3.2.2 Elemento Plate (Piastra) .......................................................... 129 4.1.3.2.3 Elemento Shell (Guscio) .......................................................... 130 4.1.3.2.4 Spessore dell’elemento - Thin e Thick .................................... 131 4.2 Modellazione del Ponte di Amantea ..................................................................... 132 4.2.1 Descrizione geometrica del telaio ........................................................... 132 4.2.2 Interoperabilità: dal BIM al modello FEM ............................................. 133 4.2.2.1 Importazione file IFC ed errori conseguenti ................................... 133 4.2.3 Creazione della griglia 3d ....................................................................... 135 4.2.4 Realizzazione di elementi Frame ed Area ............................................... 137 4.2.5 Definizione e assegnazione del tipo di sezione Frame ............................ 137 4.2.6 Definizione e assegnazione del tipo di sezione Area .............................. 139 4.2.7 Assegnazione dei materiali ..................................................................... 141 4.2.8 Creazione di gruppi ................................................................................. 141 4.2.9 Assegnazione dei vincoli ........................................................................ 142 4.2.10 Definizione dei carichi ........................................................................ 142 4.2.11 Definizione e assegnazione dei carichi non strutturali (G2) ............... 143 4.2.12 Combinazioni di carico ....................................................................... 144 4.2.13 Viste d’insieme del modello FEM ...................................................... 145 4.2.14 Interoperabilità: dal modello FEM al modello BIM architettonico .... 149 4.2.14.1 Importazione del modello strutturale (IFC) in software BIM ....... 149 4.2.14.2 Confronto geometrico tra i 2 modelli ............................................ 151 4.3 Confronti in termini di volume e di massa ............................................................ 154 V 4.3.1 Calcolo manuale di volume e massa di ogni singola componente del ponte 154 4.3.2 Computo metrico estrapolato dal modello BIM ...................................... 159 4.3.3 Confronto dei valori BIM con i valori calcolati a mano ......................... 161 4.3.4 Reazioni vincolari su SAP 2000 ............................................................. 162 4.3.5 Confronto delle reazioni vincolari di SAP 2000 con la massa totale derivante da software BIM .................................................................................... 162 4.4 Calibrazione del modello FEM ............................................................................. 163 4.4.1 Problema della corrosione ....................................................................... 163 4.4.1.1 Trave trasversale ............................................................................. 164 4.4.1.2 Piattabande laterali .......................................................................... 164 4.4.2 Frequenza propria del ponte –Dinamica delle strutture .......................... 166 4.4.3 Ponte Cerniera - carrello: Analisi modale ............................................... 169 4.4.4 Ponte Cerniera - cerniera: Analisi modale .............................................. 170 4.4.5 Ponte Cerniera – carrello imperfetto: Analisi modale con modello calibrato 171 4.5 Conclusioni – Modellazione FEM ........................................................................ 173 CONCLUSIONI……..…………………...………………………………………..……174 I. BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA – 1° Capitolo ................................................ 177 I. BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA – 2° Capitolo ................................................ 179 I. BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA – 3° Capitolo ................................................ 180 I. BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA – 4° Capitolo ................................................ 182 I. BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA GENERALE ................................................ 183
Indice della tesi: Analisi strutturale di un ponte in ferro esistente:  collaudo, modellazione BIM ed analisi agli elementi finiti, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Analisi strutturale di un ponte in ferro esistente: collaudo, modellazione BIM ed analisi agli elementi finiti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Lantini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Civile
  Relatore: MARIO DE GIORGI
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 197

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cad
fem
collaudo
analisi agli elementi finiti
analisi strutturale
laser scanner
modellazione 3d
bim
ponte esistente
interferometria radar terrestre

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi