Skip to content

Il sopralluogo nei mass-disaster e l’attività DVI

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INDICE Introduzione..................................................................................................... pag. 1 Capitolo 1 Il sopralluogo giudiziario 1.1 Definizione di sopralluogo giudiziario ....................................................... pag. 4 1.2 Definizione di Scienze Forensi ................................................................... pag. 4 1.3 La Criminalistica ........................................................................................ pag. 5 1.4 L’evoluzione delle Scienze Forensi ........................................................... pag. 6 1.5 La figura di Salvatore Ottolenghi, fondatore della Polizia Scientifica ....... pag. 8 1.6 Il principio dell’interscambio di Edmond Locard ...................................... pag. 9 1.7 I soggetti che operano il sopralluogo giudiziario ....................................... pag. 10 1.8 Il Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche ...................... pag. 10 1.9 La Polizia Scientifica .................................................................................. pag. 12 1.10 Il materiale in dotazione alle squadre sopralluogo ..................................... pag. 14 1.11 Le fasi del sopralluogo ............................................................................... pag. 15 1.12 L’attività degli operatori addetti al controllo del territorio ........................ pag. 16 1.13 Le operazioni degli operatori addetti al controllo del territorio ................. pag. 17 1.14 Le squadre sopralluogo .............................................................................. pag. 18 1.15 L’Osservazione e la Descrizione ................................................................ pag. 20 1.16 Le regole generali di descrizione ................................................................ pag. 20 1.17 Rilievi Planimetrici e Fotografici ............................................................... pag. 21 1.18 La fase della Repertazione ......................................................................... pag. 23 1.19 La fase del Verbale ..................................................................................... pag. 24 Capitolo 2 Il sopralluogo giudiziario in caso di mass-disaster. 2.1 Definizione di mass-disaster ...................................................................... pag. 25 2.2 Mass-disaster a sistema chiuso o aperto ..................................................... pag. 25 2.3 Distinzione delle cause di mass-disaster .................................................... pag. 26 2.4 Precisazioni fornite dal “Manuale DVI Interpol” ....................................... pag. 28 2.5 Valutazione e risposta iniziale ad un mass-disaster ................................... pag. 28 2.6 Il centro comando incidente ....................................................................... pag. 29 II 2.7 Sicurezza e controllo all’interno della scena .............................................. pag. 30 2.8 Passaggio dalla fase di soccorso a quella di sopralluogo ........................... pag. 31 2.9 Il primo intervento delle squadre sopralluogo ............................................ pag. 31 2.10 Creazione griglie e planimetria .................................................................. pag. 32 2.11 La fase di osservazione, ricerca e catalogazione dei reperti all’interno dei settori ................................................................ pag. 33 2.12 Centro Identificazione Vittime ................................................................... pag. 35 Capitolo 3 L’i d ent i t à 3.1 Definizione d’identità e identificazione ..................................................... pag. 37 3.2 Tecniche d’identificazione ......................................................................... pag. 37 3.3 Esame esterno ............................................................................................. pag. 38 3.4 Il riconoscimento visivo ............................................................................. pag. 39 3.5 L’Antropometria ......................................................................................... pag. 40 3.6 La Fisiognomica ......................................................................................... pag. 40 3.7 La ricerca di contrassegni ........................................................................... pag. 41 3.8 I dati ante-mortem e post-mortem nel riconoscimento visivo .................... pag. 41 3.9 Identificazione tramite impronte digitali e palmari .................................... pag. 42 3.10 I dati post-mortem nell’identificazione dattiloscopica ............................... pag. 43 3.11 I dati ante-mortem nell’identificazione tramite impronte digitali .............. pag. 44 3.12 Il confronto dattiloscopico .......................................................................... pag. 44 3.13 Il sistema SPAID ........................................................................................ pag. 46 3.14 Esame interno ............................................................................................. pag. 46 3.15 Identificazione tramite tecnica del D.N.A. ................................................. pag. 47 3.16 I dati post-mortem nell’identificazione genetica ........................................ pag. 49 3.17 I dati ante-mortem nell’identificazione genetica ........................................ pag. 50 3.18 Identificazione tramite Odontoiatria Forense ............................................. pag. 51 3.19 I dati ante-morte nell’Odontoiatria Forense ............................................... pag. 52 3.20 I dati post-mortem in Odontologia Forense ............................................... pag. 53 3.21 Confronto dei dati ante-mortem con i dati post-mortem in Odontologia Forense .................................................................................. pag. 54 3.22 Sovrapposizione dentaria ........................................................................... pag. 54 III Capitolo 4 Le Unità DVI 4.1 DVI Internazionale e il Comitato Permanente per il DVI Interpol ............ pag. 56 4.2 DVI Guide - Manuale DVI Interpol ........................................................... pag. 58 4.3 I formulari AM e PM .................................................................................. pag. 60 4.4 Il formulario PM ......................................................................................... pag. 60 4.5 Il formulario AM ........................................................................................ pag. 62 4.6 Il Gruppo DVI italiano ............................................................................... pag. 63 4.7 Le figure professionali che compongono il Gruppo di missione DVI ....... pag. 64 4.8 Direzione del Gruppo Internazionale DVI ................................................. pag. 64 4.9 Attrezzature in dotazione al Gruppo Internazionale DVI .......................... pag. 65 4.10 L’attività del Gruppo DVI all’interno dei C.I.V. ....................................... pag. 65 4.11 Squadre AM: fase della preparazione di un elenco vittime ........................ pag. 66 4.12 Squadra AM nei casi di mass-disaster a sistema chiuso o aperto .............. pag. 67 4.13 Raccolta dati AM vittima ........................................................................... pag. 67 4.14 Raccolta di dati personali sulla vittima attraverso intervista dei parenti, amici, ecc. ...................................................................................... pag. 67 4.15 Squadre PM ................................................................................................ pag. 69 4.16 Le Unità PM ............................................................................................... pag. 69 4.17 Squadre Comparazione fase del “MATCHES” .......................................... pag. 71 4.18 Sezione per il rilascio della salma .............................................................. pag. 71 4.19 Squadre Cura ed Assistenza ....................................................................... pag. 72 4.20 Assistenza sui familiari delle vittime ......................................................... pag. 72 4.21 Assistenza sul personale DVI ..................................................................... pag. 72 Capitolo 5 Esempi di utilizzo delle unità DVI nei mass-disaster 5.1 Attentati terroristici negli Stati Uniti d’America dell’11 Settembre 2001 . pag. 74 5.2 Classificazione degli attentati ..................................................................... pag. 75 5.3 Gestione dell’evento ................................................................................... pag. 75 5.4 Tsunami 26 Dicembre 2004 ....................................................................... pag. 78 5.5 Gestione dell’evento ................................................................................... pag. 80 5.6 L’attività dei Gruppi DVI Internazionali .................................................... pag. 81 5.7 Attentato terroristico del 23 Luglio 2005 a Sharm el Sheikh ..................... pag. 83 IV 5.8 Gestione dell’evento ................................................................................... pag. 83 5.9 Terremoto città di L’Aquila 6 aprile 2009 ................................................. pag. 85 5.10 Gestione dell’evento ................................................................................... pag. 86 5.11 Esplosione vagone merci Viareggio 29 giugno 2009 ................................. pag. 87 5.12 Gestione dell’evento ................................................................................... pag. 88 Conclusioni ....................................................................................................... pag. 90 Appendice ......................................................................................................... pag. 93 Bibliografia ....................................................................................................... pag. 98 Sitologia ............................................................................................................. pag. 101
Indice della tesi: Il sopralluogo nei mass-disaster e l’attività DVI, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Il sopralluogo nei mass-disaster e l’attività DVI

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Di Marco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Mariano  ANGIONI
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sopralluogo mass-disaster

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi