Skip to content

I meccanismi di diversion: comparazione giuridica ed esperienza pratica

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Indice Introduzione ........................................................................................... VII CAPITOLO I ............................................................................................. 1 ORIGINE DEI MECCANISMI DI DIVERSION - CENNI STORICI .... 1 1.1 Il “PROBATION”: l’esperienza americana di fine Ottocento ..... 1 1.2 I primi interventi in Europa in materia di probation – La tutela del <<piccolo imputato>>nel ‘900 ........................................................ 2 1.3 Il 1988: anno chiave nel processo penale minorile – Spunti comparatistici tra Italia e America. ...................................................... 12 CAPITOLO II: L’istituto del “ryb” nel diritto ebraico come modello antesignano di “giustizia riparativa” ....................................................... 17 Introduzione: il diritto ebraico nel panorama della comparazione giuridica ............................................................................................ 17 2.1 L’Ordinamento Giuridico ebraico: fonti e organizzazione ............ 19 2.1.1 Le fonti come “sistema reticolare” .......................................... 19 2.1.2 La ‘istituzione-popolo’ di Israele e i suoi organi (nel diritto biblico) .............................................................................................. 25 2.2 Le Corti Ebraiche ........................................................................... 29 2.2.1 Il sistema penale in Israele. Cenni ........................................... 29 2.2.2 (segue) I procedimenti ............................................................. 33 2.2.3 L’influenza del diritto processuale penale ebraico sul processo penale statunitense: la “concurring opinion” e la “exclusionary rule” (cenni) ............................................................................................... 35 2.2.4: Cenni sulla responsabilità del minore nel diritto ebraico ....... 37 2.3 Il “Mispat” e il “Ryb”: due modelli di giustizia a confronto tra retribuzione e riparazione..................................................................... 39 2.3.1. “Mišpat”: analisi teminologica ............................................... 40 2.3.2.L’istituto del “Rîb” .................................................................. 40 2.3.3. Il legame tra Rîb e mediazione ............................................... 42 II 2. 3. 4. “Forgive Me, Victim for I Have sinned”. Il “Georgia Justice Project”: l’influenza del rîb nei procedimenti penali americani ...... 44 CAPITOLO III: IL GIUSTO PROCESSO PENALE MINORILE – PROFILI DI CHILD FRIENDLY JUSTICE NEL D.P.R. 448/88 ........... 47 3.1 I principi del processo penale minorile .......................................... 47 3.1.1 Nella psicologia giuridica minorile ......................................... 47 3.1.2 Nella giurisprudenza della Corte Costituzionale ..................... 53 3.1.3 Nel diritto internazionale ......................................................... 55 3.1.3.1 La direttiva 2016/800/UE: linee guida per il giusto processo penale minorile europeo ................................................................... 59 3. 2. Le fasi del procedimento – un iter di “sequenze dialogiche” .... 64 3.2.1. Il primo contatto - dall'arresto alla celebrazione del processo ............................................................................................ 64 3.2.2. Nel cuore della “diversion”: le indagini preliminari e l’udienza preliminare ........................................................................................... 74 3.2.3. Verso la decisione: il dibattimento come spazio di dialoghi e obiettivi comuni, tra crisi e nuove speranze ........................................ 79 Capitolo IV: La declaratoria di non luogo a procedere per particolare tenuità del fatto ........................................................................................ 82 4.1. Il “fatto tenue”: una difficile operazione esegetica ....................... 82 4.1.1. Il “metodo Krumpellman” e la teoria penale del fatto esiguo in Austria: un “filo d’Arianna” d’oltralpe. ........................................... 84 4.1.2. Il sistema italiano .................................................................... 86 4.2. La “particolare tenuità” nel rito minorile e nel giudizio penale di pace: analogie e differenze. .................................................................. 89 4. 3 Il contributo della giurisprudenza: chiavi di lettura dell’art. 27 Dpr. 448/88 .......................................................................................... 93 CAPITOLO V: La sospensione del processo con messa alla prova ....... 96 5.1 Le coordinate dell’istituto .............................................................. 96 5.1.1 I presupposti............................................................................. 97 5.1.2 I soggetti ................................................................................. 99 5.1.3 Il procedimento ..................................................................... 102 III 5.2 Modelli differenziati speciali: la <<messa alla prova>> e i riti semplificati minorili ........................................................................... 106 5.3 La mediazione penale minorile: cenni teorici ed esperienze concrete. L’attività di “Metaintelligenze onlus” della fondazione “Maria Teresa Sammartino” .............................................................. 108 CAPITOLO VI “Con animo quasi paterno”: L’esperienza del tribunale dei minorenni di Palermo nell’applicazione delle misure di diversion . 111 6.2 SENTENZE GIUDICE DELL’ UDIENZA PRELIMINARE dal 2006 al 2014 ....................................................................................... 111 6.2.1 Il valore dell’udienza preliminare nel procedimento penale a carico di imputati minorenni .......................................................... 111 Anno 2006 ...................................................................................... 113 6.2.2 “Fatto irrilevante” e “comportamento occasionale” – Due aspetti tipici di una pronuncia “alternativa” ................................. 113 Anno 2007 ...................................................................................... 115 Anno 2008 ...................................................................................... 115 Anno 2009 ...................................................................................... 116 6.2.3 IL “perdono giudiziale”: la pietra miliare del procedimento a carico di imputati minorenni .......................................................... 117 Anno 2010 ...................................................................................... 118 Anno 2011 ...................................................................................... 119 Anno 2012 ...................................................................................... 119 Anno 2013 ...................................................................................... 120 Anno 2014 ...................................................................................... 121 6.2.4 L’ascolto del minore imputato ............................................... 121 6.2 SENTENZE DIBATTIMENTO dal 2006 al 2014 ...................... 122 Anno 2006 ...................................................................................... 122 Anno 2007 ...................................................................................... 124 Anno 2008 ...................................................................................... 125 Anno 2009 ...................................................................................... 126 Anno 2010 ...................................................................................... 127 Anno 2011 ...................................................................................... 127 IV Anno 2012 ...................................................................................... 129 Anno 2013 ...................................................................................... 130 Anno 2014 ...................................................................................... 130 6.2.5 Irrilevanza del fatto nella fase dibattimentale: problematiche ........................................................................................................ 131 CAPITOLO VII: L’IRRILEVANZA DEL FATTO E LA MESSA ALLA PROVA “PER ADULTI”: CENNI E CRITICHE ALLA LEGGE DELEGA 67/2014 ................................................................................. 133 7.1 I prodromi della riforma: la situazione carceraria italiana e la ricerca di soluzioni alternative ........................................................... 133 7.2 I tratti della legge 67/ 2014 .......................................................... 137 7.3. Quali conclusioni?....................................................................... 143 Ringraziamenti ...................................................................................... 146 Bibliografia ............................................................................................ 147
Indice della tesi: I meccanismi di diversion: comparazione giuridica ed esperienza pratica, Pagina 1

Indice dalla tesi:

I meccanismi di diversion: comparazione giuridica ed esperienza pratica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mihaela Martorana
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Di Chiara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

minori
adolescenza
devianza
tribunale per i minorenni
diversion
diritto minorile
processo penale minorile
diritto processuale penale
diritto ebraico
mishpat, rib

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi