Skip to content

Shadow Banking e alternative lending: la liberalizzazione del credito. “A boon and bane for financial system”

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INDICE INTRODUZIONE…………………………………………………………………………………1 CAPITOLO I Lo Shadow Banking System 1 Identificazione del fenomeno dello shadow banking system ............................... 6 2 Origini storiche: Government-Sponsored Enterprises ed il Federal Home Loans Banks Act (1932) – Lo Shadow Banking sponsorizzato dal Governo ....................... 10 2.1 Nascita del modello originate-to-distribute ed il ruolo delle banche ............ 13 3 Definizione di Shadow Banking System ............................................................. 14 3.1 Una prima definizione internazionalmente accettata, ma non condivisa .... 18 3.1.1 Definizione in negativo ............................................................................ 20 3.1.2 Definizione in positivo .............................................................................. 23 4 Nuova luce sul sistema bancario ombra ............................................................ 28 4.1 Numeri ed inquietudini ................................................................................ 31 5 Dall’ Arbitraggio Regolamentare del sistema bancario ombra… ....................... 33 5.1 Lo Shadow Banking e la dialettica regolamentare ...................................... 33 5.2 Regulatory arbitrage: Sistema bancario ombra interno ed esterno ............ 34 6 …alla specializzazione del sistema bancario “parallelo”: nuove opportunità di finanziamento ed investimento .................................................................................. 36 6.1 Una definizione funzionale alternativa ........................................................ 38 7 Caratteristiche del sistema bancario ombra ....................................................... 41 7.1 Attività di natura bancaria (bank-alike) ........................................................ 41 7.2 Mancanza di regolamentazione .................................................................. 42 7.3 L’intermediazione del credito ...................................................................... 43 8 Le attività caratteristiche dello Shadow Banking System ................................... 45 8.1 La Cartolarizzazione e gli Asset-backed securities ..................................... 45 8.1.1 La cartolarizzazione come strumento di miglioramento dei requisiti di capitale imposti dalla vigilanza prudenziale di Basilea III ................................... 48 8.2 Contratti derivati su crediti .......................................................................... 50 8.3 Contratti pronto contro termine (Repurchase agreements - repos) ............ 51 8.4 Da attività singolarmente considerate a sistema ........................................ 55 8.5 Provision of Credit ....................................................................................... 55 9 Le istituzioni del sistema bancario parallelo ....................................................... 56 9.1 Banche d’investimento ................................................................................ 58 9.1.1 Intermediari bancari ed altre entità regolamentate .................................. 59 9.2 Hedge funds ................................................................................................ 59 9.2.1 Ruolo svolto nel contesto dello shadow banking ..................................... 62 9.3 Fondi del mercato monetario (FMM) ........................................................... 63 9.3.1 Il particolare ruolo svolto dai fondi di mercato monetario nel sistema finanziario globale .............................................................................................. 64 II 9.3.2 Accenni regolamentari in chiave comparatistica ..................................... 66 CAPITOLO II «A boon and a bane for financial system» Intermediari non bancari come alternative lenders: la liberalizzazione del credito in Europa e in Italia 1 Considerazioni introduttive ................................................................................. 69 2 La crisi finanziaria del 2007-2008 e le riforme regolamentari successive: lo shadow banking come «strumento di propagazione» ............................................... 72 3 Le riforme successive alla crisi finanziaria, Basilea III e il recepimento comunitario: CRR e CRD IV ........................................................................................................... 76 3.1 Le potenziali insidie derivanti dall’applicazione degli strumenti CRD IV: il problema del sistema bancario ombra ................................................................... 80 3.2 (Segue) I timori relativi all’introduzione di Basilea IV .................................. 86 3.3 Lo strapotere dello shadow banking e il moral hazard ................................ 87 4 La regolamentazione dello shadow banking in Europa ...................................... 89 4.1 Il Sistema Bancario Ombra: «A boon a bane for financial system» ............ 90 4.2 La trasparenza come strumento regolamentare ......................................... 93 4.2.1 Misure indirette ........................................................................................ 96 4.2.2 Misure dirette ........................................................................................... 98 4.2.2.1 Regolamento «Securities Financing Transaction» (STFS) .............. 99 4.2.3 Il “collateral re-use” ed il FSB’ shadow banking report del 2017: un’occasione mancata? ................................................................................... 104 4.3 Alcune considerazioni ............................................................................... 108 5 La Capital Market Union ................................................................................... 108 5.1 L’evoluzione terminologica ........................................................................ 110 5.2 Problematiche da affrontare. La disciplina del “prospetto” ........................ 111 5.3 Una nuova cartolarizzazione ..................................................................... 112 5.4 Finanziamenti diretti da parte di fondi ....................................................... 113 6 La peculiarità del modello italiano: l’esercizio del credito “riservato” e l’apertura a nuove forme di alternative lending .......................................................................... 115 6.1 Fondi comuni di investimento (FIA) .......................................................... 118 6.1.1 Le recenti novità in materia di FIA stabiliti in uno stato membro dell’Unione 121 6.1.2 Direct Lending da parte di FIA UE ......................................................... 122 6.1.3 Comunicazione preventiva alla Banca d’Italia ....................................... 122 6.2 Imprese di assicurazione .......................................................................... 123 6.3 Società di cartolarizzazione (SPVs) .......................................................... 126 6.3.1 Concessione di finanziamenti ................................................................ 128 6.3.2 Attività di individuazione ........................................................................ 129 6.3.3 Destinazione dei titoli ............................................................................ 129 6.3.4 Il mantenimento dell'interesse economico ............................................. 130 III 6.3.5 Controlli del servicer .............................................................................. 131 7 Alcune considerazioni conclusive .................................................................... 132 CAPITOLO III Analisi in chiave comparata Il sistema bancario ombra Cinese e la triple layer structure. L’ “adaptive efficiency” ed i timidi segnali di liberalizzazione: nuove forme di private-lending 1 La differente natura dello shadow banking nei diversi paesi ............................ 134 2 Il Sistema bancario Cinese: una breve panoramica ......................................... 136 2.1 Architettura regolamentare in Cina ........................................................... 140 3 Il sistema bancario ombra in Cina .................................................................... 143 3.1 La definizione giuridica: un processo evolutivo ......................................... 145 3.1.1 La supervisione e la regolamentazione dello shadow banking in Cina: l’inadeguatezza dell’approccio sector-based ................................................... 150 4 Lo sviluppo dello shadow banking in Cina: origini legali dello shadow banking in Cina: dalla Financial repression alla financial exclusion ......................................... 152 4.1 Barriere legali all’ingresso per le imprese private: la riserva di attività bancaria 153 4.2 Tassi d’interesse artificialmente bassi ...................................................... 155 4.3 Policy di incanalamento del credito ........................................................... 157 4.4 Arbitraggio regolamentare ........................................................................ 159 5 Principali componenti del sistema bancario ombra in Cina .............................. 160 5.1 Bank off-balance sheet financing layer o Bank-related products .............. 161 5.1.1 I Wealth Management Products: Origini ................................................ 161 5.1.2 (Segue) Struttura ................................................................................... 162 5.1.3 I rischi posti dalla Maturity Mismatch ..................................................... 162 5.1.4 Tipologia contrattuale e moral hazard. .................................................. 163 5.1.5 Pilot Program: da un modello d’investimento della banca ad un modello di puro asset-management .................................................................................. 164 5.1.6 Incentivo delle banche alla vendita di WMPs e le attività Off-balance sheet. 165 5.1.7 Cooperazione Bank-trust 
 .................................................................... 167 5.1.8 La regolamentazione dei WMPs ........................................................... 170 5.1.8.1 Conduct of Business rules ............................................................. 171 5.1.8.2 La trasparenza obbligatoria ............................................................ 174 5.1.9 Considerazioni conclusive relative alla regolamentazione WMPs ........ 176 5.1.10 Entrusted loan e la rimozione dei “paletti” normativi e giurisprudenziali relativi all’Intercompany lending. ...................................................................... 177 5.1.11 La liberalizzazione dell’inter-company lending e le recenti misure di contrasto all’entrusted lending ......................................................................... 181 5.1.12 Considerazioni conclusive relative all’Entrusted loan ........................ 185 IV 5.2 Credit Enhancement Layer ....................................................................... 185 5.2.1 Guarantee companies ........................................................................... 185 5.2.2 Pawning companies .............................................................................. 189 5.2.2.1 Condotte elusive della Legge sulla raccolta del risparmio ............. 191 5.3 Non-banking lending layer ........................................................................ 193 5.3.1 Il peer-to-peer lending (P2P) ................................................................. 196 5.3.1.1 La natura del P2P e delle sue piattaforme ..................................... 199 5.3.1.2 Requisiti operativi ........................................................................... 200 5.3.1.3 Limiti massimi all’ammontare del prestito ...................................... 203 5.3.1.4 Considerazioni conclusive relative al P2P lending ......................... 204 5.3.2 Equity Crowdfunding: prassi correnti e questioni legali rilevanti ........... 205 5.3.2.1 Pratiche contrattuali. The Syndicate Model: struttura e funzioni .... 207 5.3.2.2 Problemi giuridici derivanti dalla natura intrinseca dell’ECF .......... 208 5.3.2.3 L’offerta pubblica di sottoscrizione e l’abusiva attività di raccolta del risparmio ....................................................................................................... 209 5.3.2.4 Proposte regolamentari della Securities Association of China: Le Crowdfunding Measures ............................................................................... 210 5.3.2.5 L’offerta privata di sottoscrizione di strumenti finanziari partecipativi e la tipologia di investitori ammessi ................................................................. 211 5.3.2.6 Alcune criticità ................................................................................ 212 5.3.2.7 Considerazioni conclusive: un’occasione mancata per la liberalizzazione del credito tramite ECF ....................................................... 214 6 Un breve spunto comparatistico. L’Equity Crowdfunding in Italia e la Legge di stabilità 2017: una svolta verso la liberalizzazione del credito ................................ 215 6.1 La svolta: la legge di stabilità 2017 ........................................................... 216 7 Conclusione ..................................................................................................... 217 BIBLIOGRAFIA ………………………………………………………………………………221 ATTI E DOCUMENTI DELLE AUTORITÀ REGOLAMENTARI E DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI …...………………………………………………………………….……237 SITOGRAFIA …………………………………………………………...……………………240 GIURISPRUDENZA ...………………………………………………………………….…….241
Indice della tesi: Shadow Banking e alternative lending: la liberalizzazione del credito. “A boon and bane for financial system”, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Shadow Banking e alternative lending: la liberalizzazione del credito. “A boon and bane for financial system”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuliano Rigatti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Andrea Giannelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 249

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sistema bancario
ombra
regolamentazione finanziaria
shadow banking
riserva di attività bancaria
106 tub

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi