Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un approccio territoriale al mercato del lavoro: aspetti analitici e strategici

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Benjamin Rembrij Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2382 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>Introduzione </b> <br/> <br/><b>Capitolo 1 - Perch&eacute; studiare il mercato del lavoro a livello locale </b> <br/> 1.1 La situazione italiana <br/> 1.2 Definizione del mercato del lavoro locale <br/> <br/><b>Capitolo 2 - Il ruolo dei distretti industriali nello sviluppo del territorio </b> <br/> 2.1 Definizione e caratteristiche dei distretti industriali <br/> 2.2 Come identificare i distretti industriali <br/> 2.3 Il mercato del lavoro nei distretti industriali <br/> 2.4 Conclusioni <br/> <br/><b>Capitolo 3 - Mobilit&agrave; territoriale e mercato del lavoro </b> <br/> 3.1 Quadro di riferimento <br/> 3.2 Breve analisi storica della mobilit&agrave; geografica in Italia <br/> 3.3 Iniziative per aumentare la mobilit&agrave; <br/> 3.4 Discasie tra domanda e offerta di lavoro <br/> 3.5 La mobilit&agrave; interregionale in Italia <br/> <br/><b>Capitolo 4 - Concertazione e mercato del lavoro </b> <br/> 4.1 Premessa <br/> 4.2 Il Patto per il lavoro <br/> 4.3 Il Patto sociale <br/> 4.4 Prime conclusioni <br/> 4.5 Ultimi sviluppi sulla concertazione tra Governo e Parti Sociali <br/> <br/><b>Capitolo 5 - Il decentramento delle politiche del lavoro </b> <br/> 5.1 Cenni introduttivi <br/> 5.2 Il decentramento delle politiche del lavoro <br/> <br/><b>Capitolo 6 - Nascita e ruolo delle Agenzie per l'impiego </b> <br/> 6.1 Il collocamento impossibile <br/> 6.2 I nuovi servizi per l'impiego <br/> 6.2.1 La Conferenza Unificata del 16 dicembre 1999 <br/> 6.2.2 Aree di servizio <br/> 6.2.3 Azioni relative alla progettazione organizzativa <br/> 6.2.4 Azioni relative all'adeguamento delle risorse umane e delle risorse strutturali<br/> 6.2.5 Avvio dei servizi di base <br/> 6.2.6 Il superamento del monopolio pubblico del collocamento <br/> 6.2.7 Il nuovo assetto regionale e le funzioni dei servizi per l'impiego locali <br/> 6.2.8 I centri per l'impiego ed il decentramento alle province <br/> 6.3 Le attivit&agrave; dei Centri per l'impiego <br/> 6.3.1 Le attivit&agrave; di rete <br/> 6.3.2 Le attivit&agrave; di informazione e consulenza <br/> 6.3.3 Le attivit&agrave; di orientamento e formazione <br/> 6.3.4 A chi si rivolgono le attivit&agrave; dei servizi per l'impiego <br/> 6.4 Punti di forza e di debolezza delle Agenzie per l'impiego <br/> 6.4.1 Linee di intervento per migliorare l'attivit&agrave; delle Agenzie per l'Impiego <br/> <br/><b>Capitolo 7 -Il modello teorico di funzionamento dei mercati locali del lavoro </b> <br/> 7.1 Il modello base <br/> 7.2 Gli effetti delle politiche attive del lavoro <br/> 7.2.1 Effetti sul matching <br/> 7.2.2 Effetto di maggiore competitivit&agrave; dei disoccupati <br/> 7.2.3 Effetto di riduzione della perdita di benessere dovuta alla disoccupazione <br/> 7.2.4 Effetti sulla produttivit&agrave; <br/> 7.2.5 Effetti di sostituzione e deadweight <br/> 7.2.6 Considerazioni conclusive <br/> 7.3 Le politiche di mobilit&agrave; territoriale <br/> 7.4 Considerazioni conclusive <br/> <br/><b>Capitolo 8 -Politiche attive e passive, illustrazione e scopi </b> <br/> 8.1 Cenni introduttivi <br/> 8.2 Il problema dei sussidi <br/> 8.3 I patti territoriali e i contratti d'area <br/> 8.3.1 I fondi strutturali: la programmazione 2000-2006 <br/> 8.4 Misure per l'inserimento di soggetti svantaggiati <br/> 8.5 I lavori socialmente utili <br/> 8.6 I problemi dei giovani nel mercato del lavoro <br/> 8.6.1 Le borse di lavoro <br/> 8.6.2 Gli incentivi all'imprenditorialit&agrave; giovanile e il prestito d'onore <br/> 8.6.3 Il tirocinio <br/> 8.6.4 I Piani di inserimento professionale<br/> 8.7 Il lavoro flessibile<br/> 8.7.1 Cenni introduttivi <br/> 8.7.2 Il lavoro interinale <br/> 8.7.3 Il contratto di lavoro part-time <br/> 8.7.4 Il lavoro ripartito (job sharing) <br/> 8.7.5 Il contratto di formazione lavoro <br/> 8.7.6 Apprendistato <br/> 8.7.7 Il telelavoro <br/> 8.8 Il monitoraggio delle politiche del lavoro <br/> <br/><b>Capitolo 9 - Analisi dei mercati e delle politiche del lavoro in Umbria </b> <br/> 9.1 Premessa <br/> 9.2 Struttura del mercato del lavoro in Umbria <br/> 9.3 Strategia e scenari di riferimento del Piano <br/> 9.4 Impostazione, priorit&agrave; e progetti del piano <br/> 9.4.1 I pilastri, le politiche attive del lavoro e le loro aree di impatto <br/> 9.4.2 Le priorit&agrave; di intervento <br/> 9.4.2.1 Le priorit&agrave; per le politiche di offerta <br/> 9.4.2.2 Le priorit&agrave; per le politiche di domanda <br/> 9.5 I progetti quadro del Piano <br/> 9.5.1 Progetto ''Riforma dei dei servizi per l'impiego'' <br/> 9.5.2 progetto di valutazione e monitoraggio delle politiche attive del lavoro <br/> <br/><b>Conclusioni </b> <br/> Riferimenti bibliografici <br/> Riferimenti legislativi <br/> Sitografia <br/>

Indice della Tesi di Benjamin Rembrij

Indice della tesi: Un approccio territoriale al mercato del lavoro: aspetti analitici e strategici, Pagina 1