Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le fattispecie di Infedeltà

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Giacomo Prudentino Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1611 click dal 17/09/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>CAPITOLO I</b> <br/> <br/><b>L'INFEDELTA' NEL CODICE CIVILE</b> <br/> 1. Introduzione alla fattispecie di infedelt&agrave; - riforma - riferimenti comunitari<br/> 2. L'infedelt&agrave; patrimoniale ex art. 2634 c.c<br/> 2.1 Condotta illecita e l'evento nella fattispecie di infedelt&agrave; patrimoniale - conflitto d'interessi<br/> 2.2 L'elemento soggettivo del reato<br/> 2.3 Il rapporto esistente tra la fattispecie di infedelt&agrave; patrimoniale ed i ''beni posseduti o amministrati dalla societ&agrave; per conto di terzi''<br/> 2.4 L'infedelt&agrave; patrimoniale nei gruppi di societ&agrave;<br/> 2.5 Le sanzioni e la prescrizione del reato<br/> 3. Infedelt&agrave; a seguito di dazione o promessa di utilit&agrave; ex art. 2635<br/> 3.1 I soggetti attivi del reato<br/> 3.2 L'elemento oggettivo del reato<br/> 3.3 L'elemento soggettivo del reato<br/> 3.4 La consumazione del reato<br/> 3.5 Punibilit&agrave;, procedibilit&agrave; e prescrizione del reato <br/> <br/><b>CAPITOLO II</b> <br/> <br/><b>L'INFEDELTA' PATRIMONIALE NELL'ATTIVITA' CREDITIZIA E NELLA GESTIONE DEL RISPARMIO:</b> <br/> la fattispecie di gestione infedele introdotta dall'art. 38 del D. Lgs. 415/96 e abrogato dal D. Lgs 24 febbraio 1998, n. 58: ''Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52.<br/> 1. Introduzione<br/> 1.2 Fondamento costituzionale<br/> 2. L'art 167 d. lgs. 58/98: I soggetti attivi<br/> 2.1 L'attivit&agrave; di gestione di portafogli di investimento<br/> 2.2 La condotta tipica<br/> 2.3 Gli altri elementi del reato<br/> 2.4 Il danno agli investitori<br/> 3. L'eventuale responsabilit&agrave; degli enti di vigilanza<br/> <br/><b>CAPITOLO III</b> <br/> <br/><b>LE INFEDELTA' NEL TESTO UNICO DELLE LEGGI IN MATERIA BANCARIA E CREDITIZIA</b> <br/> 1. Il regime penale dell'attivit&agrave; bancaria. Considerazioni generali<br/> 2. Le obbligazioni degli esponenti bancari ex art. 136<br/> 3. Le obbligazioni di qualsiasi natura<br/> 4. Il permesso condizionato ed i singoli contratti: quelli con obbligazioni a carico di una sola parte<br/> 4.1 La speciale disciplina degli atti di compravendita<br/> 5. Le novit&agrave; del progetto di riforma contenute nel d.d.l. recante disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari<br/> a. Premesse<br/> b. Le maggiori novit&agrave; del testo unificato<br/> <br/><b>BIBLIOGRAFIA</b> <br/> <br/><b>GIURISPRUDENZA </b> <br/>

Indice della Tesi di Giacomo Prudentino

Indice della tesi: Le fattispecie di Infedeltà, Pagina 1