Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di capannoni industriali in zona sismica secondo nuova normativa

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Dante Raffele Contatta »

Composta da 358 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9913 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>INTRODUZIONE </b> <br/> <br/><b>2. CENNI STORICI </b> <br/> <br/><b>CAPITOLO PRIMO </b> <br/> <br/><b>PROGETTARE IN ZONA SISMICA </b> <br/> <br/><b>1. CLASSIFICAZIONE SISMICA </b> <br/> 1.1. Introduzione <br/> 1.2. Vecchia classificazione sismica <br/> 1.2.1. Coefficiente di intensit&agrave; sismica <br/> 1.3. Nuova classificazione sismica <br/> <br/><b>2. TERREMOTI E RISCHIO SISMICO </b> <br/> 2.1. Le onde sismiche <br/> 2.2. Terreno di posa <br/> 2.3. Esame del suolo <br/> 2.4. Microzonazione sismica <br/> 2.5. Zone a rischio - criterio di valutazione <br/> 2.6. Parametri che accentuano il rischio sismico <br/> 2.7. Movimenti sismici <br/> 2.7.1. Terminologia <br/> 2.7.2. Classificazione <br/> 2.7.3. Tipi di scosse <br/> 2.7.4. Terremoti <br/> 2.7.5. Previsione dei terremoti <br/> 2.7.6. Intensit&agrave; e magnitudo <br/> 2.8. Quadro geologico <br/> 2.9. Liquefazione del terreno <br/> 2.9.1. Principio degli sforzi efficaci <br/> 2.9.2. Cause del fenomeno <br/> 2.9.3. Manifestazioni della liquefazione <br/> <br/><b>3. SCELTA DEL SITO ED INTERVALLI DI ISOLAMENTO </b> <br/> 3.1. Piano di posa <br/> <br/><b>4. RESISTENZA SISMICA DEI MATERIALI </b> <br/> 4.1. Introduzione <br/> 4.2. Scelta dei materiali <br/> 4.3. Idoneit&agrave; di impiego <br/> 4.4. Propriet&agrave; dei materiali <br/> <br/><b>5. CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI EDIFICI </b> <br/> 5.1. Introduzione <br/> 5.2. Forze verticali <br/> 5.3. Forze orizzontali <br/> 5.4. Generalit&agrave; <br/> 5.4.1. Semplicit&agrave; strutturale <br/> 5.4.2. Uniformit&agrave; e simmetria <br/> 5.4.3. Iperstaticit&agrave; <br/> 5.4.4. Regolarit&agrave; strutturale <br/> 5.4.5. Regolarit&agrave; in pianta <br/> 5.4.6. Regolarit&agrave; in altezza <br/> 5.4.7. Resistenza e rigidezza bidirezionale <br/> 5.4.8. Resistenza e rigidezza torsionale <br/> 5.4.8.1. Garanzia di resistenza <br/> 5.4.9. Azioni membranali sugli impalcati <br/> 5.4.9.1. Impiego di giunti <br/> 5.4.9.2. Larghezza delle travi <br/> 5.4.9.3. Dettagli costruttivi <br/> 5.4.9.4. Legature intermedie <br/> 5.4.9.5. Scale <br/> 5.5. Strutture di fondazione adeguate <br/> 5.5.1. Tipi di fondazioni <br/> <br/><b>6. COMPORTAMENTO DEI TERRENI </b> <br/> 6.1. Complessi rigidi in fondazione. <br/> 6.2. Criteri per le fondazioni <br/> 6.3. Considerazioni sui terreni di posa <br/> <br/><b>7. EFFETTI DELLA NON-STRUTTURA </b> <br/> 7.1. Introduzione <br/> 7.2. Comportamento muri di tamponamento e divisori <br/> 7.3. Sistemi di collegamento <br/> 7.3.1. Struttura rigida <br/> 7.3.2. Struttura flessibile <br/> 7.4. Pannelli collegati con la struttura <br/> 7.5. Pannelli separati dalla struttura <br/> 7.6. Materiali sigillanti <br/> <br/><b>8. CRITERI DI BASE </b> <br/> 8.1. Criteri fondamentali <br/> <br/><b>9. COLLASSO </b> <br/> 9.1. Modalit&agrave; di collasso<br/> <br/><b>10. GERARCHIA DELLE RESISTENZE </b> <br/> 10.1. Taglio <br/> <br/><b>11. REGOLE DI DUTTILITA' </b> <br/> <br/><b>12. REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA </b> <br/> 12.1. Introduzione <br/> 12.2. Sicurezza nei confronti della stabilit&agrave; (SLU) <br/> 12.3. Protezione nei confronti del danno (SLD) <br/> 12.4. Criteri di verifica<br/> <br/><b>13. MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA </b> <br/> <br/><b>14. ANALISI STRUTTURALI </b> <br/> 14.1. Analisi statica lineare <br/> 14.1.1. Condizioni di utilizzo <br/> 14.1.2. Calcolo delle azioni sismiche <br/> 14.2. Analisi dinamica modale <br/> 14.2.1. Condizioni di utilizzo <br/> 14.3. Modi di vibrare <br/> 14.4. Combinazione delle risposte modali <br/> 14.4.1. Combinazione SRSS <br/> 14.4.2. Combinazione CQC <br/> <br/><b>CAPITOLO SECONDO </b> <br/> <br/><b>TERRENO DI POSA </b> <br/> <br/><b>1. STUDIO GEOLOGICO </b> <br/> 1.1. Premesse <br/> 1.2. Caratteri morfologici e stratigrafici <br/> 1.3. Freatimetria <br/> 1.4. Idrografia di superficie <br/> 1.5. Caratteri tecnici dei terreni <br/> 1.6. Tettonica <br/> 1.7. Microzonazione sismica <br/> 1.8. Conclusioni <br/> <br/><b>2. GEOTECNICA </b> <br/> 2.1. Premesse <br/> 2.2. Caratteri tecnici dei terreni <br/> 2.3. Carico ammissibile <br/> 2.4. Cedimenti <br/> <br/><b>CAPITOLO TERZO </b> <br/> <br/><b>PROGETTO </b> <br/> <br/><b>1. PRESENTAZIONE PROGETTO </b> <br/> <br/><b>2. CARATTERISTICHE LOTTI </b> <br/> 2.1. Lotto 1 <br/> 2.1.1. Suolo aziendale <br/> 2.1.2. Opere murarie ed assimilate <br/> 2.1.2.1. Manufatto lavorazione, uffici e servizi. <br/> 2.1.2.2. Zona produzione <br/> 2.1.2.3. Zona destinata ad uffici e servizi <br/> 2.2. Lotto 2 <br/> 2.2.1. Suolo aziendale <br/> 2.2.2. Opere murarie ed assimilate <br/> 2.2.2.1. Manufatto lavorazione, uffici e servizi. <br/> 2.2.2.2. Zona produzione <br/> 2.2.2.3. Zona destinata ad uffici e servizi <br/> 2.3. Lotto 3 <br/> 2.3.1. Suolo aziendale <br/> 2.3.2. Opere murarie ed assimilate <br/> 2.3.2.1. Manufatto lavorazione, uffici e servizi. <br/> 2.3.2.2. Zona produzione <br/> 2.3.2.3. Zona destinata ad uffici e servizi <br/> <br/><b>3. ELEMENTI PREFABBRICATI </b> <br/> 3.1. Plinti <br/> 3.2. Pareti di tamponamento lisce <br/> 3.3. Copponi <br/> 3.4. Trave ad ''L'' <br/> 3.5. Travi a doppia pendenza <br/> 3.6. Pilastri <br/> <br/><b>4. ELEMENTI NON PREFABBRICATI </b> <br/> 4.1. Sottofondazione plinto prefabbricato <br/> 4.2. Travi esterne ed interne di collegamento <br/> <br/><b>5. RIFERIMENTI NORMATIVI </b> <br/> <br/><b>6. METOLOGIE DI CALCOLO </b> <br/> 6.1. Tipologia strutturale <br/> 6.2. Vincoli <br/> 6.3. Condizioni di carico<br/> 6.4. Fondazioni <br/> <br/><b>7. CALCOLO ELEMENTI PREFABBRICATI </b> <br/> 7.1. Stabilimento A: Zona A1 <br/> 7.2. Stabilimento A: Zona A2 <br/> 7.3. Stabilimento A: Zona B <br/> 7.4. Stabilimento B: Zona A1 <br/> 7.5. Stabilimento B: Zona A2 <br/> 7.6. Stabilimento C: Zona A1 <br/> 7.7. Stabilimento C: Zona A2 <br/> <br/><b>8. CALCOLO FONDAZIONI </b> <br/> 8.1. Stabilimenti A, B, C <br/> <br/><b>CAPITOLO QUARTO </b> <br/> <br/><b>VERIFICA SECONDO ORDINANZA N. 3274/20 MARZO 2003 </b> <br/> <br/><b>1. CLASSIFICAZIONE </b> <br/> <br/><b>2. CATEGORIE DI SUOLO DI FONDAZIONE </b> <br/> <br/><b>3. TIPOLOGIE STRUTTURALI, FATTORI DI STRUTTURA </b> <br/> 3.1. Tipologie strutturali <br/> 3.2. Fattori di struttura <br/> <br/><b>4. EDIFICI PREFABBRICATI </b> <br/> 4.1. Collegamenti <br/> <br/><b>5. FORMA REGOLARITA' </b> <br/> <br/><b>6. FATTORI DI IMPORTANZA </b> <br/> <br/><b>7. MATERIALI AMMESSI </b> <br/> 7.1. Conglomerato <br/> 7.2. Acciaio <br/> <br/><b>8. SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITA' (SLU) </b> <br/> 8.1. Stato limite ultimo <br/> 8.1.1. Resistenza <br/> <br/><b>9. ANALISI STATICA LINEARE </b> <br/> 9.1. Calcoli spettri di risposta <br/> <br/><b>10. SPOSTAMENTO E VELOCITA' DEL TERRENO </b> <br/> <br/><b>11. SPETTRI DI PROGETTO PER LO SLU </b> <br/> <br/><b>12. STATO LIMITE DI DANNO </b> <br/> <br/><b>13. COMBINAZIONE AZIONE SISMICA CON LE ALTRE AZIONI </b> <br/> 13.1. Combinazione delle componenti dell'azione sismica <br/> <br/><b>14. CARICO NEVE </b> <br/> 14.1. Carico neve al suolo <br/> 14.2. Risultati <br/> <br/><b>15. AZIONI DEL VENTO </b> <br/> 15.1. Strutture a sezione chiusa <br/> 15.2. Azioni statiche equivalenti <br/> 15.3. Pressione del vento <br/> 15.4. Pressione cinetica di riferimento <br/> 15.5. Coefficiente di esposizione <br/> 15.6. Edifici a pianta rettangolare con coperture piane a falde inclinate o curve <br/> 15.7. Risultati <br/> <br/><b>16. VERIFICA SECONDO ORDINANZA 3274 DEL 20 MARZO 2003 </b> <br/> 16.1. Materiali previsti <br/> 16.2. Elemento di verifica<br/> 16.3. Snellezza<br/> 16.4. Calcoli di verifica <br/> <br/><b>CAPITOLO QUINTO </b> <br/> <br/><b>CONCLUSIONI </b> <br/> <br/><b>1. LE NORMATIVE A CONFRONTO </b> <br/> <br/><b>2. CONCLUSIONI DI CALCOLO </b> <br/> 2.1. Normativa vigente <br/> 2.2. Ordinanza 3274/20 marzo 2003 <br/> 2.2.1. Calcoli di verifica <br/> 2.2.2. Calcoli di progetto <br/> <br/><b>3. CONCLUSIONI </b> <br/> <br/><b>CAPITOLO SESTO </b> <br/> <br/><b>STATO AVANZAMENTO LAVORI </b> <br/> <br/><b>1. S.A.L. </b> <br/> <br/><b>BIBLIOGRAFIA </b> <br/>

Indice della Tesi di Dante Raffele

Indice della tesi: Progetto di capannoni industriali in zona sismica secondo nuova normativa, Pagina 2