Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La successione imprenditoriale e lo sviluppo di conoscenza nell'impresa familiare

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Carlo Scarbolo Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7892 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 58 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>CAPITOLO I</b> <br/> <br/><b>L'OGGETTO DI STUDIO: L'IMPRESA FAMILIARE E IL PROBLEMA SUCCESSORIO </b> <br/> <br/><b>1.1. DEFINIZIONI E TIPOLOGIE </b> <br/> <br/><b>1.2. LA RILEVANZA DELLE IMPRESE FAMILIARI </b> <br/> <br/><b>1.3. RUOLO E FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI DI GOVERNO </b> <br/> <br/><b>1.4. LA SOVRAPPOSIZIONE ISTITUZIONALE </b> <br/> <br/><b>1.5. IL PROBLEMA DELLA SUCCESSIONE </b> <br/> <br/><b>CAPITOLO II</b> <br/> <br/><b>LE PRINCIPALI VARIABILI AZIENDALI CHE CONDIZIONANO LA SUCCESSIONE IMPRENDITORIALE</b> <br/> <br/><b>2.1. L'AMBIENTE IN CUI L'IMPRESA OPERA </b> <br/> 2.1.1. Alcuni casi empirici in diversi contesti ambientali <br/> 2.1.2. La successione nel contesto di un distretto: il caso Lumezzane <br/> <br/><b>2.2. L'AMBIENTE COMPETITIVO DELL'IMPRESA E LA SUA ORGANIZZAZIONE </b> <br/> 2.2.1. Unicit&agrave; o molteplicit&agrave; delle aree strategiche d'affari <br/> 2.2.2. Tipologie di settori e successione <br/> 2.2.3. Tipologie di business e successione <br/> 2.2.4. Evoluzione settoriale e successione <br/> <br/><b>2.3. LA DIMENSIONE AZIENDALE </b> <br/> <br/><b>2.4. IL GRADO DI DIPENDENZA DELL'IMPRESA DALLA FAMIGLIA </b> <br/> <br/><b>CAPITOLO III</b> <br/> <br/><b>IL PROCESSO DI SUCCESSIONE IMPRENDITORIALE FRA IMPRESA E FAMIGLIA </b> <br/> <br/><b>3.1. I PROTAGONISTI DELLA SUCCESSIONE </b> <br/> 3.1.1. La generazione presente <br/> 3.1.2. La generazione emergente <br/> 3.1.3. Le aree di confronto intergenerazionale <br/> 3.1.4. Strategie per migliorare le aree di fallimento e consolidare le aree di successo <br/> <br/><b>3.2. ALTRI ATTORI DEL PROCESSO SUCCESSORIO </b> <br/> 3.2.1. Le persone di fiducia <br/> 3.2.2. I consulenti aziendali <br/> 3.2.3. Le banche e gli istituti finanziari <br/> 3.2.4. Le associazioni di categoria <br/> <br/><b>3.3. IL PROCESSO DI SUCCESSIONE </b> <br/> 3.3.1. La scelta del successore <br/> 3.3.2. L'ingresso del successore in azienda <br/> 3.3.3. Gli ostacoli all'insediamento del successore <br/> 3.3.4. L'adattamento dell'azienda al successore <br/> <br/><b>CAPITOLO IV</b> <br/> <br/><b>LO SVILUPPO DI CONOSCENZA NEL PROCESSO DI RICAMBIO GENERAZIONALE: COME GARANTIRE LA CONTINUITA' DELL'IMPRESA FAMILIARE NEL TEMPO</b> <br/> <br/><b>4.1. LE TEORIE DI PRODUZIONE DI CONOSCENZA NELL'IMPRESA CONTEMPORANEA </b> <br/> 4.1.1. Le teorie sulla learning organization <br/> 4.1.2. Le teorie sulla creative organization <br/> 4.1.3. La knowledge-creating company <br/> 4.1.4. Le relazioni interorganizzative e l'impresa rete <br/> <br/><b>4.2. LO SVILUPPO DI CONOSCENZA ATTRAVERSO IL PASSAGGIO GENERAZIONALE </b> <br/> 4.2.1. Lo sviluppo individuale del successore <br/> 4.2.2. Lo sviluppo formativo del successore <br/> 4.2.2.1. Le prime esperienze formative <br/> 4.2.2.2. L'universit&agrave; <br/> 4.2.2.3. Le business school <br/> 4.2.3. Lo sviluppo aziendale del successore <br/> 4.2.3.1. L'ingresso e la crescita nell'azienda di famiglia <br/> 4.2.3.2. Un'esperienza in altre aziende <br/> 4.2.3.3. Lo sviluppo di un business autonomo <br/> 4.2.4. Lo sviluppo sociale del successore <br/> 4.2.4.1. Gli interessi extrascolastici <br/> 4.2.4.2. La partecipazione a istituzioni sociali <br/>

Indice della Tesi di Carlo Scarbolo

Indice della tesi: La successione imprenditoriale e lo sviluppo di conoscenza nell'impresa familiare, Pagina 2