Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni dopo le Direttive 2002

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Piercarlo Castellano Contatta »

Composta da 205 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1745 click dal 01/09/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br><b>1. Introduzione</b><br/> <br><b>2. L'introduzione della concorrenza nel mercato delle comunicazioni. La regolazione</b><br/> 2.1. L'evoluzione strutturale e normativa del settore<br/> 2.1.1. I concetti tecnici di base: dal sistema analogico alla digital collision<br/> 2.1.2. La regolamentazione giuridica: il regime di monopolio ed i suoi presupposti<br/> 2.1.3. Le insufficienze del mercato chiuso e le istanze di riforma<br/> 2.2. L'apertura del mercato alla concorrenza: le due vie seguite in sede Comunitaria<br/> 2.2.1. L'azione di liberalizzazione<br/> 2.2.2. La progressiva armonizzazione delle normative di settore<br/> 2.3. L'impostazione giuridica e teorica della riforma<br/> 2.3.1. Gli articoli 86 e 95 del Trattato<br/> 2.3.2. La ''nuova'' regolazione<br/> 2.3.3. I modelli di regolazione: la self-regulation<br/> 2.3.4. L'utilizzo della disciplina asimmetrica<br/> 2.3.5. Il contemperamento con gli altri obblighi degni di tutela<br/> 2.3.5.1. I rapporti con il diritto della concorrenza<br/> 2.3.5.2. Il servizio pubblico e la tutela degli utenti<br/> 2.3.5.3. La tutela delle cd. esigenze fondamentali della collettivit&agrave;<br/> <br><b>3. Gli interventi concreti per la tutela della concorrenza. L'Autorit&agrave; per le garanzie nelle comunicazioni</b><br/> 3.1. Gli interventi di tipo organizzativo: l'Autorit&agrave; nazionaledi regolazione<br/> 3.1.1. L'esigenza di un soggetto regolatore in base alla normativa comunitaria<br/> 3.1.2. Le caratteristiche delle Autorit&agrave; Nazionali di Regolazione negli Stati: l'esempio italiano<br/> 3.1.2.1. Il ruolo dell'Autorit&agrave;, tra diritto Comunitario e nazionale<br/> 3.1.2.2. La struttura e l'organizzazione<br/> 3.1.2.3. Le competenze assegnate all'AGCOM<br/> 3.1.2.3.1. Le attribuzioni della Commissione per le infrastrutture e le reti<br/> 3.1.2.3.2. Le attribuzioni della Commissione per i servizi ed i prodotti<br/> 3.1.2.3.3. Le attribuzioni del Consiglio<br/> 3.1.2.3.3.1. L'attivit&agrave; dell'Autorit&agrave; nel campo delle telecomunicazioni: l'identificazione dei soggetti aventi notevole forza di mercato<br/> 3.1.2.3.3.2. L'attivit&agrave; dell'Autorit&agrave; nel settore radiotelevisivo: le competenze dell'Autorit&agrave; in materia di posizioni dominanti<br/> 3.1.2.3.3. L'esercizio del potere regolamentare<br/> 3.1.2.3.4. Gli atti ed il procedimento innanzi all'Autorit&agrave;<br/> 3.1.2.3.5. I poteri decisori dell'Autorit&agrave;<br/> 3.1.2.3.6. La tutela dei consumatori e degli utenti: il servizio universale<br/> 3.1.3. Le competenze in materia esercitate dal Governo<br/> 3.1.4. Le competenze in materia dell'Autorit&agrave; garante della concorrenza e del mercato<br/> <br><b>4. La cd. ''riforma della regolazione''. Il nuovo ''concerto regolamentare europeo''</b><br/> 4.1. Il pacchetto di Direttive del 2002. I principi della riforma<br/> 4.2. Gli obiettivi della riforma<br/> 4.3. La convergenza tra regolazione e concorrenza<br/> 4.4. Il ruolo dell'Autorit&agrave; Nazionale di Regolazione<br/> <br><b>5. La riforma Comunitaria del 2002 ed i riflessi sul diritto interno: l'Autorit&agrave; per le Garanzie nelle Comunicazioni alla luce delle innovazioni introdotte</b><br/> 5.1. La portata del ''New Regulatory Framework''<br/> 5.2. L'Agcom dopo la ''Direttiva Quadro'' (Dir. 2002/21/CE)<br/> 5.2.1. Le finalit&agrave; specifiche e l'ambito di applicazione<br/> 5.2.2. Le modifiche dei presupposti per l'attivit&agrave; regolatrice dell'Autorit&agrave;<br/> 5.2.3. La nuova procedura operativa dell'Autorit&agrave; ed i rapporti con la Commissione<br/> 5.2.4. Questioni giuridiche sul rapporto tra regolazione e concorrenza<br/> 5.2.5. L'aumento dei poteri e della discrezionalit&agrave; dell'AGCOM<br/> 5.2.6. La creazione di un sistema di un'organizzazione comune tra i Regolatori<br/> 5.3. L'Agcom dopo la ''Direttiva Accesso'' (Dir. 2002/19/CE)<br/> 5.3.1. Le definizioni e l'ambito di applicazione<br/> 5.3.2. L'imposizione di obblighi in materia di accesso<br/> 5.3.3. I criteri per l'imposizione degli obblighi<br/> 5.4. L'Agcom dopo la ''Direttiva Servizio Universale e Diritti degli Utenti''<br/> 5.4.1. Il concetto di ''servizio universale''<br/> 5.4.2. Il costo netto del servizio ed il suo finanziamento<br/> 5.4.3. La nuova disciplina Comunitaria<br/> 5.4.4. Il nuovo meccanismo di individuazione del costo netto<br/> 5.4.5. Gli obblighi alle imprese<br/> 5.5. L'Agcom dopo la ''Direttiva Autorizzazioni'' (Dir. 2002/20/CE)<br/> 5.5.1. Il nuovo sistema delle autorizzazioni per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica<br/> 5.5.1.1. Il passaggio dalle licenze individuali alle autorizzazioni generali<br/> 5.5.1.2. La semplificazione delle procedure delle imprese ed il potenziamento degli obblighi di trasparenza e pubblicit&agrave; della P.A<br/> 5.5.1.3. Il principio di stretta proporzionalit&agrave; delle condizioni<br/> 5.5.1.4. La riduzione e la razionalizzazione dei contributi<br/> 5.5.2. Le conseguenze sul diritto interno<br/> 5.5.2.1. La ''conformazione del potere di conformazione''<br/> 5.5.2.2. La crisi della distinzione tra funzione amministrativa e regolatoria<br/> <br><b>6. Conclusioni</b><br/> <br><b>7. Bibliografia</b><br/>

Indice della Tesi di Piercarlo Castellano

Indice della tesi: L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni dopo le Direttive 2002, Pagina 2