Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Provvedimento cautelare e decisione nel merito

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonio Picardi Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5568 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>INTRODUZIONE </b> <br/> <br/><b>CAPITOLO PRIMO </b> <br/> <br/><b>ASPETTI GENERALI DEL RAPPORTO TRA PROVVEDIMENTO CAUTELARE EDECISIONE NEL MERITO</b> <br/> 1.Il rapporto tra provvedimento cautelare e decisione nel merito nella elaborazione della dottrina italiana <br/> 2.Provvedimento cautelare e decisione nel merito: le pronunce della Corte di Giustizia dell'Unione Europea <br/> 3.Presupposti del provvedimento cautelare <br/> 3.1.Il fumus boni iuris e l'anticipazione di alcuni effetti favorevoli dell'accoglimento del ricorso che si presenta come probabile <br/> 3.2.Il Periculum in mora e l'esigenza cautelare di assicurare che la sentenza favorevole sia pienamente efficace <br/> 3.3.Rapporto trafumus boni iurus e periculum in mora <br/> 3.4.La valutazione comparativa degli interessi in conflitto da parte del giudice amministrativo <br/> 3.5.La cauzione <br/> 4.Provvedimenti rispetto ai quali l'istanza cautelare non &egrave; accoglibile <br/> 4.1 Provvedimenti collegati ad altri successivi <br/> 4.2.Segue:Provvedimenti ad effetti non ancora intervenuti e marcatamente differiti <br/> 4.3.Segue:Provvedimenti le cui conseguenze pregiudizievoli non sono ormai neutralizzabili dal <br/> provvedimento cautelare <br/> 5.Natura della pronuncia cautelare e sua posizione nell'ambito del processo principale <br/> 6.Gli effetti dell'ordinanza cautelare: la necessit&agrave; di non anticipare il merito n&eacute; di precludere l'efficacia di una eventuale sentenza di rigetto<br/> 6.1.Il concetto di merito <br/> 6.2.Incidenza del provvedimento cautelare sul merito della decisione a cognizione piena <br/> 6.3.Efficacia soggettiva del provvedimento cautelare <br/> 7.Incidenza delle vicende del giudizio di primo grado rispetto agli effetti prodotti dall'ordinanza cautelare<br/> 7.1.Disposizioni particolari: efficacia dell'ordinanza cautelare che sospenda provvedimenti in materia di opere pubbliche <br/> <br/><b>CAPITOLO SECONDO </b> <br/> <br/><b>GLI ASPETTI PROCESSUALI DEL RAPPORTO </b> <br/> 1.Esclusione dell'effetto sospensivo del ricorso <br/> 2.Il decreto del Presidente del TAR <br/> 2.1.Tutela cautelare provvisoria e decisione nel merito <br/> 3.Il procedimento cautelare <br/> 3.1. Il regolamento di giurisdizione <br/> 3.2. Il regolamento di competenza <br/> 4. Il rito accelerato: la definizione immediata del giudizio nel merito <br/> 4.1. La definizione del giudizio in forma semplificata <br/> 5.La condanna alle spese nel processo cautelare amministrativo <br/> 6. La fissazione della trattazione del merito<br/> 7. Revoca, modificazione e riproposizione delle misure cautelari <br/> 7.1.Riflessi della revocabilit&agrave; della pronuncia cautelare sul problema dell'appello<br/> 8.Il problemadell'appellabilit&agrave; delle ordinanze del TAR in materia cautelare e rapporto con la decisione definitiva nel merito<br/> 8.1. La revocazione <br/> 9.Esecuzione delle ordinanze di sospensione e giudizio di ottemperanza <br/> <br/><b>CAPITOLO TERZO </b> <br/> <br/><b>ASPETTI SOSTANZIALI DEL RAPPORTO: CONTENUTO DEL PROVVEDIMENTO CAUTELARE E DECISIONE NEL MERITO </b> <br/> 1.Premessa <br/> 2. Tutela cautelare di tipo inibitorio <br/> 3.Tutela cautelare di tipo ordinatorio (o innovativo): la sospensione di provvedimenti negativi <br/> 3.1.Segue: Le novit&agrave; introdotte dalla legge 205/2000: il problema del silenzio <br/> 4. La tutela cautelare atipica: i provvedimenti d'urgenza ex art.700 c.p.c. <br/> 5.L'applicabilit&agrave; dell'art.700 c.p.c. al processo cautelare amministrativo nella sentenza 190/1985 della Corte costituzionale <br/> 6.Il problema della tutela cautelare ante causam nel processo amministrativo <br/> 7.Il problemadella tutela atipica su prestazioni patrimoniali: gli orientamenti della giurisprudenza<br/> riguardo l'applicabilit&agrave; al processo amministrativo degli articoli 633 e 186-bis-ter e quater c.p.c. <br/> 7.1.Segue: la tesi dell'applicazione diretta dell'art. 186-ter c.p.c. <br/> 7.2.Segue: la tesi dell'applicazione diretta dell'art.186-quater c.p.c. <br/> 7.3.L'ordinanza 31 marzo 2000 n.1 dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato. Il riconoscimentodell'ammissibilit&agrave; della tutela cautelare atipica nel processo cautelare amministrativo <br/> 8.Le novit&agrave; introdotte dalla legge 21 luglio 2000, n.205 riguardanti la tutela cautelare atipica <br/> 8.1Segue: la tutela sommaria dei diritti soggettivi di natura patrimoniale oggetto della giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo<br/> <br/><b>CONCLUSIONI </b> <br/> <br/><b>BIBLIOGRAFIA </b> <br/>

Indice della Tesi di Antonio Picardi

Indice della tesi: Provvedimento cautelare e decisione nel merito, Pagina 3