Analisi dell'impedenza di ingresso dell'aorta discendente mediante linea idraulica viscoelastica chiusa su un carico complesso

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Roberto Fogliardi Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2253 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Roberto Fogliardi

Anteprima della tesi: Analisi dell'impedenza di ingresso dell'aorta discendente mediante linea idraulica viscoelastica chiusa su un carico complesso, Pagina 2
Mostra/Nascondi contenuto.
5sono stati elaborati diversi altri modelli analoghi ma più dettagliati, tra i quali il più noto è il cosiddetto Windkessel a tre elementi. Questi modelli presentano l'indubbio merito di descrivere in maniera semplice e sintetica l'impedenza di ingresso, ma non sono in grado di giustificare alcuni fenomeni sperimentali che risultano legati alla propagazione delle onde di pressione e flusso nelle arterie; tali fenomeni vengono meglio descritti da funzioni di trasferimento derivanti da una rappresentazione a parametri distribuiti. Partendo, infatti, dalle equazioni dell'idrodinamica, mediante opportune considerazioni semplificative, si può descrivere l'albero arterioso come un sistema di linee idrauliche (il cui analogo elettrico è dato dalle linee di trasmissione), interconnesse tra loro [1]. Una rappresentazione di questo genere, pur essendo di notevole interesse per la simulazione, risulta eccessivamente complessa e, quindi, impraticabile dal punto di vista dell'identificazione. È pertanto necessario cercare un compromesso tra la riduzione della complessità ed il significato fisico dei parametri del modello. Nell'ambito di tale ricerca, sono stati proposti ed analizzati da Burattini et al. dei modelli a parametri distribuiti [6] [7] [8] [9] [10], costituiti da una singola linea elastica o da due linee elastiche in parallelo, chiuse su carichi di tipo Windkessel. Mentre la rappresentazione con la linea singola conduce ad alcuni risultati di difficile interpretazione fisiologica, il modello a linea doppia, detto anche a T, che risulta più vicino alla morfologia dell'albero arterioso, suddiviso in circolazione superiore ed inferiore, consente di giungere a risultati decisamente più significativi dal punto di vista fisiologico, oltre a consentire migliori approssimazioni dei dati sperimentali. Talvolta, però, si sono riscontrati alcuni problemi legati all'identificazione del tratto inferiore della circolazione, che impongono di approfondire l'analisi del comportamento di questo ramo dell'albero arterioso sistemico. Tale analisi, inoltre, risulta di particolare interesse per la diretta correlabilità che sussiste tra la linea idraulica e l'aorta discendente, e tra il carico del modello e la circolazione