Sguardi e oggetti nell'opera di Maurizio Cucchi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Nicolò Canziani Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 923 click dal 13/05/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Nicolò Canziani

Anteprima della tesi: Sguardi e oggetti nell'opera di Maurizio Cucchi, Pagina 3
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Cucchi è "[...] la composizione di una storia per lacerti, brani o reperti di ciò che intero non fu mai, nemmeno nella vita." 2 Il risultato si estrinseca in una sorta di autobiografia "per interposte persone" (mutuo l'espressione dal titolo di un fondamentale saggio di Enrico Testa del 1999, che a sua volta la riprende da una recensione di Giorgio Caproni del 1947), in cui a frangenti della vita di Maurizio Cucchi, che spesso delega la sua presenza dentro i testi a personaggi fittizi, si sovrappongono e si mescolano ritratti, dialoghi, epifanie e descrizioni della vita del padre Luigi. A questo riguardo mi sembra significativa una poesia contenuta nell'ultimo libro di Cucchi, Per un secondo o un secolo (2003). Si tratta della prima poesia della sezione Un'identità fittizia e un cervello prodigioso (cfr.Cucchi,2003,p.35): Perché sia tutto chiaro,quel che segue sono io, il mio diario, la mia autobiografia. Io cioè un personaggio, un'identità fittizia:Rutebeuf,Malone,Prufrock o quel che resta di Icio,nato e vissuto sei anni al Cairo. Credo che questa poesia sia esemplare per comprendere il concetto di mediazione, la costruzione di un personaggio che presenta ovviamente alcune delle caratteristiche, dei tratti della personalità dell'autore empirico, ma che, come nei romanzi, non coincide affatto con il primo. 2 M.Cucchi, Valeria, Ancona,Centro studi Franco Scataglini, luglio 2004