Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sguardi e oggetti nell'opera di Maurizio Cucchi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 secondonovecento, non è stata evidentemente recepita dagli irriducibili dell'interpretazione psicanalitica, sempre pronti a scandagliare ed a forzare i testi per ricondurli alla vita dell'autore empirico. Nei confronti di questo atteggiamento di una parte della critica Cucchi nella mia intervista si dimostra piuttosto scettico e ironico: "[...]Mi da fastidio quanto il testo viene interpretato come se chi scrive parlasse in prima persona. A me è capitato di vedere interpretate delle cose mie attribuite ad un personaggio come se fossero cose della mia storia personale.[...]Io invento delle cose, creo delle situazioni e dei personaggi. Chi parla dentro nel testo è un io a cui io ho dato l'incarico di pronunciare il proprio io ma che è un personaggio, quindi può dire quello che gli pare. Mi sembra straordinariamente ingenuo che con tutto quello che è stato scritto e studiato, con tutta la teoria della letteratura che è stata fatta, però si crede ancora che se io dico :"Oggi ho ucciso il mio vicino di casa" ci sia qualcuno che va a chiamare la polizia. [...] Io uso dei personaggi, e questi personaggi possono anche coincidere totalmente nella loro storia con la mia storia personale ma io non voglio mettere in primo piano nessun io forte.[...]". Un'ultima tematica di cui mi sembra significativo parlare è quella che riguarda il viaggio, l'idea di inoltrarsi, di penetrare in spazi ignoti. In Cucchi il viaggio, qualsiasi tipo di viaggio, è un'esperienza profondamente pregnante dal punto di vista emotivo, dal momento che presuppone una dilacerazione, un distaccamento dalle persone amate, e prefigura il trapasso della morte.

Anteprima della Tesi di Nicolò Canziani

Anteprima della tesi: Sguardi e oggetti nell'opera di Maurizio Cucchi, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Nicolò Canziani Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 930 click dal 13/05/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.