L'attività consultiva delle commissioni nel procedimento legislativo

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Massimo Marciano Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1700 click dal 18/05/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo.

Anteprima della Tesi di Massimo Marciano

Anteprima della tesi: L'attività consultiva delle commissioni nel procedimento legislativo, Pagina 7
Mostra/Nascondi contenuto.
11 procedurali del progetto di legge. 5 Si ritiene, infatti, indispensabile che le valutazioni delle commissioni di merito siano integrate da giudizi di altri organi, che svolgono uno specifico compito di garanzia, onde assicurare il rispetto di principi ai quali l'ordinamento riconosce valore preponderante e l'uniformità delle soluzioni legislative adottate in determinate materie. 1.2. Le modifiche regolamentari alla Camera e al Senato 6 Il numero veramente esiguo dei progetti di legge su cui le commissioni diverse dalla I (affari costituzionali) o dalla V (bilancio), ovvero le “commissioni-filtro”, hanno 5 Cfr. Zampetti U., op. cit., p. 179 e ss. 6 Circa il ruolo che i regolamenti parlamentari rivestono nell’ambito dell’ordinamento giuridico V. Galeotti, Il procedimento legislativo, 1985, Giuffrè, p.159 ss. Per l’autore le norme poste in essere dai regolamenti parlamentari, in particolare quelle che riguardano il procedimento legislativo, valgono e spiegano la loro rilevanza come norme di diritto oggettivo. Per tale motivo, ad esse è necessario riferirsi per ricostruire la disciplina del procedimento legislativo. L’autore, pertanto, critica le teorie di coloro che considerano le norme create dai regolamenti come mere norme interne e ritiene che nel comporre la