Skip to content

Le rimesse degli emigrati senegalesi come strumento per lo sviluppo del paese d'origine

Informazioni tesi

  Autore: Enrica Cerantola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Interfacoltà Scienze Politiche, Scienze della Formazione, Lettere
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Davide Gualerzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

Le rimesse si presentano come uno strumento di crescita e progresso sostenibile in un'ottica di co-sviluppo. Infatti, si tratta di un mezzo in grado di generare uno sviluppo autonomo, in quanto possibile grazie all’impegno degli stessi cittadini dei paesi poveri, la maggior parte dei quali appartenenti alle classi con reddito basso. Il legame che il migrante mantiene con la sua famiglia e con la comunità d’origine non si mantiene esclusivamente per una motivazione economica, ma trova origine in un sentimento di affetto, di solidarietà e di dipendenza. A tal riguardo le rimesse finanziarie non sono le uniche risorse a disposizione dei migranti per contribuire allo sviluppo, in quanto anche le attività svolte dalle comunità della diaspora appaiono fondamentali per l’integrazione del paese nel commercio internazionale, l’aumento di investimenti diretti esteri e il trasferimento di tecnologie.
A questa realtà corrisponde la richiesta di valorizzare il ruolo delle rimesse, agevolarne il trasferimento e potenziare la partecipazione dei gruppi di migranti nei programmi di sviluppo. Una risposta adeguata e efficace potrebbe provenire da un miglioramento della rete finanziaria mondiale e da una maggior inclusione degli individui più deboli nei canali bancari. Allo stesso tempo i governi di entrambi i paesi interessati al processo dovrebbero riuscire a garantire determinate condizioni di natura economica, sociale e politica, imprescindibili per creare crescita e progresso. Nel caso contrario gli sforzi da parte del settore privato per offrire servizi ai migranti e ai loro familiari rischierebbero di risultare vani. Nel contesto senegalese il processo migratorio è un fenomeno che difficilmente può essere trascurato, sia a causa della sua dimensione, sia per i risvolti politici, economici e sociali che lo accompagnano. Circostanze economiche e sociali difficili, povertà e disoccupazione spingono sempre più senegalesi (650.000 ufficialmente) a intraprendere i cammini della migrazione internazionale mentre le opportunità d’emigrare diminuiscono per effetto del protezionismo migratorio causando una crisi delle destinazioni tradizionali come la Francia e la scoperta di nuovi spazi di accoglienza come l’Italia (60 mila le presenze ufficiali). Le rimesse costituiscono per la comunità d’origine una rete di sicurezza sociale in un contesto di marasma economico e di impoverimento delle famiglie soprattutto nell’ambiente rurale. La consistente rimessa economica senegalese è la prova di uno sguardo sempre rivolto verso la madre patria: nel 2005 i senegalesi in Italia hanno inviato a casa 995 milioni di euro. Danaro che serve per sostenere le famiglie, creare progetti di cooperazione, ma anche creare impresa. L’importanza dei redditi trasferiti dagli emigrati ha portato negli ultimi anni a diverse iniziative volte a massimizzare i benefici che le migrazioni internazionali possono avere sullo sviluppo economico e sociale del paese d’origine. Il fenomeno delle rimesse ha in sé molte potenzialità per stimolare un processo di crescita autonoma e sviluppo economico e sociale dei paesi d’origine dei migranti. Ma i migranti e la diaspora possono diventare agenti dello sviluppo del loro paese solo se sussistono le giuste condizioni in grado di agevolare un impiego delle rimesse diverso dal solo consumo. A questo scopo si ritiene che sia importante che gli immigrati e le loro famiglie abbiano un facile accesso ai servizi bancari e che le rimesse possano essere trasferite attraverso canali formali in modo da canalizzarle verso il risparmio o l’investimento. Attraverso l’inclusione finanziaria, la bancarizzazione degli immigrati e la ricerca di nuovi strumenti si vuole coniugare le risorse della diaspora allo sviluppo dei paesi di origine, attraverso un’adeguata canalizzazione e valorizzazione delle rimesse.
Questo elaborato presenta nella prima parte degli indicatori sociali ed economici del Senegal e le caratteristiche principali della migrazione in Italia, nella seconda parte si parlerà delle rimesse, del loro ammontare, dei modi di invio e del loro impatto sullo sviluppo e sulla riduzione della povertà per poi analizzare nella terza ed ultima sezione gli strumenti più adatti per valorizzarle. Da qualche anno molte banche dei paesi più industrializzati stanno cercando di includere gli emigrati nel loro mercato; questa novità sta portando dei vantaggi alle banche perché trovano dei nuovi clienti, a volte con un alto potenziale di profitto, ma soprattutto contribuisce a dirigere le rimesse verso canali di trasferimento formali, le vie più adatte per indirizzare l’impiego delle rimesse in attività produttive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4    INTRODUZIONE   In un momento in cui gli attori coinvolti nella cooperazione internazionale allo sviluppo e i governi degli Stati più ricchi si trovano in difficoltà nel rispettare gli impegni assunti nei confronti del gruppo di paesi meno avanzati 1 e faticano a raggiungere gli “Obiettivi del Millennio” preposti per il 2015, le rimesse si presentano come uno strumento di crescita e progresso ideale e sostenibile. Infatti, si tratta di un mezzo in grado di generare uno sviluppo autonomo, in quanto possibile grazie all’impegno degli stessi cittadini dei paesi poveri, la maggior parte dei quali appartenenti alle classi con reddito basso. Inoltre, si osserva che il legame che il migrante mantiene con la sua famiglia e con la comunità d’origine non si mantiene esclusivamente per una motivazione economica, ma trova origine in un sentimento di affetto, di solidarietà e di dipendenza. A tal riguardo le rimesse finanziarie non sono le uniche risorse a disposizione dei migranti per contribuire allo sviluppo, in quanto anche le attività svolte dalle comunità della diaspora appaiono fondamentali per l’integrazione del paese nel commercio internazionale, l’aumento di investimenti diretti esteri e il trasferimento di tecnologie. A questa realtà corrisponde la richiesta di valorizzare il ruolo delle rimesse, agevolarne il trasferimento e potenziare la partecipazione dei gruppi di migranti nei programmi di sviluppo. Una risposta adeguata e efficace potrebbe provenire da un miglioramento della rete finanziaria mondiale e da una maggior inclusione degli individui più deboli nei canali bancari. Allo stesso tempo i governi di entrambi i paesi interessati al processo dovrebbero riuscire a garantire determinate condizioni di natura economica, sociale e politica, imprescindibili per creare crescita e progresso. Nel caso contrario gli sforzi da parte del settore privato per offrire servizi ai migranti e ai loro familiari rischierebbero di risultare vani. Nel contesto senegalese il processo migratorio è un fenomeno che difficilmente può essere trascurato, sia a causa della sua dimensione, sia per i risvolti politici, economici e sociali che lo accompagnano. Circostanze economiche e sociali difficili, povertà e disoccupazione spingono sempre più senegalesi (650.000 ufficialmente) a intraprendere i cammini della migrazione internazionale mentre le opportunità d’emigrare diminuiscono per effetto del protezionismo migratorio causando una crisi delle destinazioni tradizionali come la                                                             1 Si ricorda al riguardo che pochi Stati sono riusciti a raggiungere l’obiettivo dello 0,7% del Pil da destinare agli aiuti ufficiali per lo sviluppo. Nel 2005 la Svezia ha dedicato 1,03% del suo Pil per ODA, seguita dalla Norvegia con lo 0,95%. In più, tra i paesi donatori, solamente Danimarca, Lussemburgo e Olanda hanno già raggiunto l’obiettivo. In Italia nel 2005 gli aiuti ufficiali allo sviluppo sono stati di solo lo 0,23% del Pil (OECD, 2006). Per ulteriori dati consultare il sito dell’OECD: http://www.oecd.org/dataoecd/52/11/1893159.xls.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bancarizzazione
bonifici internazionali
canali formali
canali informali
canalizzazione delle rimesse
carte di debito ricaricabili
codéveloppement
cooperazione
cosviluppo
emigrati
etnie
flusso modiale delle rimesse
imprese transnazionali
migrazione senegalese
money trasfer
rimesse
rimesse forzate
senegal
senegalesi in italia
servizi bancari
stumenti finanziari
sviluppo
sviluppo economico
valorizzazione rimesse

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi