Skip to content

I diritti umani e gli investimenti diretti esteri

Informazioni tesi

Traduttore: Rachele Piazza
  Tipo: Traduzione
  Anno: 2005
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"Human Rights and Foreign Direct Investments"

Il legame tra i diritti umani e la contrazione della povertà è riconosciuto come una questione di centrale importanza da organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale. Giustizia sociale e crescita economica sono strettamente collegate e laddove i diritti umani sono al centro del governo, può esserci un reale progresso nella lotta alla povertà. Le società che valorizzano e sostengono lo sviluppo di tutti gli individui ne traggono il massimo vantaggio anche in termini di crescita economica. Gli Stati che rispettano i diritti individuali e godono dello stato di diritto rappresentano i partner commerciali più affidabili e redditizi. Negli ultimi dieci anni, le organizzazioni per i diritti umani si sono interessate sempre più agli accordi commerciali internazionali, alle disposizioni in essi contenute ed alla loro potenziale minaccia alla salvaguardia dei diritti umani. Questa preoccupazione scaturisce da dozzine di violazioni documentate, derivanti da attività aziendali non regolamentate in alcune parti del mondo; da decisioni in merito alla risoluzione di controversie, che hanno un impatto negativo sulle politiche relative alla tutela dei diritti; da un potente regime dei diritti di proprietà intellettuale che compromette l’accesso ai farmaci, il controllo delle risorse e l'accesso alla tecnologia; da scambi commerciali nel settore agricolo che hanno portato a importazioni sovvenzionate distruggendo così il sostentamento dei coltivatori di sussistenza; da una continua liberalizzazione dei servizi che in molti temono possa minacciare le politiche pubbliche che favoriscono l’accesso universale e non discriminatorio alla salute, l’educazione, l’acqua e gli altri servizi sociali. Uno dei motivi più importanti, o più imponenti, per concentrarsi sugli investimenti diretti esteri, parlando di diritti umani, è da attribuire a ragioni di quantità. Nel 2001, il flusso netto di investimenti diretti esteri per i paesi n via di sviluppo è stato di $205 miliardi, su $735 miliardi in tutti gli altri paesi (il 28% circa del totale), una cifra che supera di gran lunga l’Aiuto Pubblico allo Sviluppo, pari a $53 miliardi nel 2002. Le regole sugli investimenti sono al momento in via di rinegoziazione in molti casi diversi, e principalmente nelle iniziative bilaterali, così come nel caso del Nuovo Partenariato per lo Sviluppo dell’Africa (NEPAD), l’Area di Libero Commercio delle Americhe (FTAA) e l’Organizzazione Mondiale del Commercio. La preoccupazione per le regole sugli investimenti e la necessità di riformarle è molto diffusa. Al momento vi sono qualcosa come 2000 accordi sugli investimenti in tutto il mondo, la maggior parte dei quali tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo. Nella maggior parte di questi processi le considerazioni sui diritti umani non sono tenute in conto durante le discussioni riguardanti il contenuto giuridico ed economico dei trattati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il legame tra i diritti umani e la contrazione della povertà è riconosciuta come una questione di centrale importanza da organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale. Giustizia sociale e crescita economica sono strettamente collegate e laddove i diritti umani sono al centro del governo, può esserci un reale progresso nella lotta alla povertà. Le società che valorizzano e sostengono lo sviluppo di tutti gli individui ne traggono il massimo vantaggio anche in termini di crescita economica. Gli Stati che rispettano i diritti individuali e godono dello stato di diritto rappresentano i partner commerciali più affidabili e redditizi. Negli ultimi dieci anni, le organizzazioni per i diritti umani si sono interessate sempre più agli accordi commerciali internazionali, alle disposizioni in essi contenute ed alla loro potenziale minaccia alla salvaguardia dei diritti umani. Questa preoccupazione scaturisce da dozzine di violazioni documentate, derivanti da attività aziendali non regolamentate in alcune parti del mondo; 1 da decisioni in merito alla risoluzione di controversie, che hanno un impatto negativo sulle politiche relative alla tutela dei diritti; da un potente regime dei diritti di proprietà intellettuale che compromette l’accesso ai farmaci, il controllo delle risorse e l'accesso alla tecnologia; da scambi commerciali nel settore agricolo che hanno portato a importazioni sovvenzionate distruggendo così il sostentamento dei coltivatori di sussistenza; da una continua liberalizzazione dei servizi che in molti temono possa minacciare le politiche pubbliche che favoriscono l’accesso universale e non discriminatorio alla salute, l’educazione, l’acqua e gli altri servizi sociali. Uno dei motivi più importanti, o più imponenti, per concentrarsi sugli investimenti diretti esteri, parlando di diritti umani, è da attribuire a ragioni di quantità. Nel 2001, il flusso netto di investimenti diretti esteri per i paesi n via di sviluppo è stato di $205 miliardi, su $735 miliardi in tutti gli altri Paesi (il 28% circa del totale) 2 , una cifra che supera di gran lunga l’Aiuto Pubblico allo Sviluppo, pari a $53 miliardi nel 2002 3 . Le regole sugli investimenti sono al momento in via di rinegoziazione in molti casi 1 La ITT ha contribuito a rovesciare il governo Allende eletto popolarmente in Cile; la United Fruit ha aiutato ad ideare lo spodestamento del governo in Guatemala; le compagnie minerarie e petrolifere americane si sono inventate una relazione invitante con i più svariati regimi dittatoriali africani. 2 UNCTAD (2002) World Investment Report 2002, United Nations, New York, Overview, p. 9. 3 Randel, J. et al. (2002), The Reality Of Aid 2002: An Independent Review of Poverty Reduction and Development Assistance, Manila, IBON Foundation, 2002, p 145. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avanzamento economico
commercio
contrazione della povertà
diritti dell'uomo
diritti umani
diritto
diritto dei diritti dell'uomo
diritto dei diritti umani
diritto internazionale
economia
fenomeno
ide
internazionale
investimenti diretti esteri
multinazionali
nazioni unite
onu
paesi in via di sviluppo
responsabilità degli stati
responsabilità statuale
scambi commerciali
sviluppo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi