Skip to content

Definizione di Fascismo

Nazionalista, interventista, fautore dell'operazione del fascio parlamentare, entrò in contatto con Mussolini ben prima della Marcia su Roma, della quale fu tra i coordinatori. Si richiamò sempre al fascismo delle origini e come molti altri (ad esempio il suo amico Farinacci) subì l'emarginazione da parte del regime a partire dagli anni '30, quando Mussolini volle "normalizzare" la situazione e uscire dalla logica della "rivoluzione/epurazione" permanente. Fino all'ultimo sentì con forza il mito del Duce. Durante la RSI fu Ispettore Generale per la Razza.

di Simone Pettirossi

Visita la sua tesi » Formazione e ascesa di un antisemita italiano: Giovanni Preziosi