Skip to content

Definizione di GEF (Global Environment Facility)

La GEF è stata istituita nel 1990 nell’ambito della Banca mondiale per aiutare i paesi in via di sviluppo nella realizzazione di attività volte a fronteggiare, inizialmente, quattro rischi ambientali (riscaldamento atmosferico, inquinamento delle acque internazionali, distruzione della biodiversità e impoverimento della fascia di ozono). Essa costituisce il principale strumento finanziario per la Convenzione sul clima e quella sulle biodiversità. Di particolare interesse è la modifica introdotta il 30 aprile 1992 che ha eliminato l’obbligo del versamento di 5 milioni di dollari per essere ammessi e il diritto di veto sull’approvazione dei progetti da parte dei paesi donatori, introducendo la doppia maggioranza nell’approvazione delle delibere. Al riguardo, le delibere vengono adottate per consensus con l’approvazione del 60% dei paesi membri, compreso il voto favorevole dei donatori che rappresentano almeno il 60% dei contributi. Il sistema di voto della GEF è conforme al principio “uno Stato un voto”.

di Daniele Petricca

Visita la sua tesi » Il finanziamento dell'Unicef: il ruolo del settore privato