Skip to content

Definizione di Lucerne siciliane

Si tratta di lucerne che, secondo gli studi risalenti a qualche decennio fa, erano cronologicamente prodotte e diffuse all’interno del periodo che va dalla fine del IV al VII secolo. Esistono scarse varianti in cui, verso il periodo finale della loro produzione, si riscontra un progressivo decadimento di forma e decorazione.
Il serbatoio appare ovale ed allungato, rastremato verso il foro del lucignolo. Sul fondo compare generalmente, entro un cerchio in rilevo, il bollo dell’officina. La spalla, inclinata, argina con un bordo non troppo grande il disco-canale; quest’ultimo risulta essere piatto, con un infundibulum al centro attorno al quale posso essere disposti dei fori supplementari che hanno una valenza puramente decorativa. Le decorazioni sono molto semplici e per lo più rozzamente eseguite; nella maggior parte degli esemplari si riscontrano delle perline alternate a cerchietti (questi talvolta sono forati formando i fori supplementari per l’immissione dell’olio che, come precedentemente detto, sono puramente decorativi), semicerchi, raggi, ruote, che compongono il tipico motivo a “rosario”.

di Jean Pierre Civiletti

Visita la sua tesi » Le lucerne di Torre Bigini nel quadro della Sicilia Tardoantica