Skip to content

Definizione di Antropologia

L'antropologia è una scienza in continua crescita, che conosce crisi quasi quotidianamente.
Essa ha avuto, nel corso della sua storia, l'obiettivo di studiare le società arcaiche, laddove per arcaiche non si è sempre inteso "anteriori" a quelle attuali.
Spesso, gli studi antropologici si sono occupati di società che presentavano tratti arcaici, a partire dai quali esse venivano confrontate con la società dell'antropologo.
Insomma, la scienza antropologica è una scienza di confronto tra il proprio e l'altrui, tra culture diverse, tra persone differenti.
L'antropologo deve avere la capacità di guardare l'altrui ed il medesimo, dotandosi di freddezza scientifica ed evitando di lasciarsi trasportare dai sentimenti che, come è naturale, si possono provare per altri esseri umani.
Oggi tale scienza ha a che fare con i mutamenti della società globale, con l'abbattimento dei confini geografici e per questo deve studiare non solo le società arcaiche presenti negli angoli sperduti della terra, ma i tratti di tutte le civiltà che abitano il pianeta.

di Anna Roberta Baldari

Visita la sua tesi » Migranti in Italia. Storie di vite sospese