Skip to content

Definizione di Advergame

Da molti considerato come la nuova frontiera dell’advertising online (tesi rinforzata dal crescente successo che gli advergame stanno ottenendo sia in mercati maturi come gli USA, che in mercati in fase di sviluppo come l’Italia), è un gioco interattivo, sponsorizzato da uno o più investitori pubblicitari, col quale l’utente Internet si mette alla prova allo scopo di riuscire ad ottenere il premio messo in palio dall’investitore stesso. Può trattarsi di un quiz, di un gioco di abilità o di memoria da eseguirsi con il mouse o la tastiera.

Il vantaggio di un’iniziativa pubblicitaria ludica è quello dato dalla forza intrinseca del binomio informazione-partecipazione, che fa rilevare alti tassi di successo sia sull’awareness che sul ricordo del brand, sia al tempo dedicato e all’attenzione prestata: è chiaro come per svolgere un gioco al meglio delle proprie possibilità, per provare ad ottenere il premio in palio, occorra impiegare qualche risorsa sia temporale che attentiva.

Quasi sempre inoltre vengono richiesti alcuni dati reali all’utente che voglia partecipare, quali per esempio i propri dati anagrafici e di residenza, o l’indirizzo e-mail: sono tutti dati sensibili che costituiscono un patrimonio importante per l’impresa che li ottiene così a costo ridotto.

Le caratteristiche per la costruzione di un advergame di successo sono:
• capacità di selezione del target e individuazione dell’ambito ludico di interesse;
• creatività nella produzione del gioco e possesso delle competenze tecniche atte a renderlo fruibile in modo semplice e veloce;
• interattività e partecipazione dell’utente, il quale deve sentirsi coinvolto nel gioco, avendo come riferimento lo sponsor e rendendolo maggiormente disponibile a fornire le informazioni utili per una corretta profilazione;
• selettività dei premi per accrescere l’interesse verso il gioco.

di Davide Di Fazio

Visita la sua tesi » L'integrazione di Internet nella pianificazione di una campagna pubblicitaria nazionale in Italia. Il caso MINI